Tff: Verdone, quei film che mi hanno cambiato la vita

Suo nuovo lavoro 'Si vive una volta sola' in sala da 27 febbraio

Un lungo amarcord di Carlo Verdone, guest director della 37/ma edizione del Tff, oggi negli storici Studi Rai di Via Verdi dove si è tenuta la conferenza stampa di 'Cinque grandi emozioni', ovvero le cinque pellicole che hanno cambiato la sua vita. Tutto nasce al photocall dove il regista-attore romano posa vicino a una vecchia telecamera anni Sessanta. "Professionalmente - dice Verdone - sono nato in questi studi con 'Non Stop' di Enzo Trapani. E oggi, vedendo quella telecamera, mi sono ricordato tutto: il fatto di essere rimasto qui sei mesi e di non essere stato poi molto convinto di quello che stavo facendo. A un certo punto però - continua il regista - Trapani mi chiama e mi dice: 'lo sai che funzioni davvero '. E così la mia esperienza a Torino continuò. Quando poi andai via parlai con il capostruttura Gambarotta che, saputo che coi soldi guadagnati mi sarei comprato una Fiat 127, mi disse: 'Si fidi di me: non la compri! Vedrà che giorno tornerà qui con tanto di autista'.

Proprio quello che è successo oggi, una cosa che mi ha davvero toccato il cuore". Questi, intanto, i film scelti da Verdone: Ordet (1955) di Carl Theodor Dreyer; Buon compleanno Mr. Grape (1993) di Lasse Hallström; Divorzio all'italiana (1961) di Pietro Germi; Oltre il giardino di Hal Ashby (1979) e Viale del tramonto di Billy Wilder (1950). "Tutti scelti non da critico, ma da spettatore che si è formato - anche grazie a mio padre che mi regalò la tessera del Filmstudio - nei cineclub romani da il Tevere a l'Azzurro Scipioni. È li mi sono fatto una cultura con Grifi, Schifano, Kenneth Anger, Andy Warhol, Yoko Ono e con le grandi rassegne su Pabst, Dreyer, Lang e Welles".

Influenzato dalla sperimentazione, continua Verdone : "comprai nel 1970 da Isabella Rossellini un telecamera Superotto e cominciai a girare. Feci, pochi lo sanno, tre medio metraggi: 'Poesia solare', 'Allegoria di primavera' e 'Elegia notturna' che fu addirittura premiato a Tokyo. Ora questi film molto crepuscolari, psichedelici non ci sono più, li ha persi la Rai, però sono convinto che quando muoio qualcuno sicuramente li tirerà fuori". Sulla scelta di Ordet di Dreyer hanno sicuramente pesato "i miei studi di storia delle religioni, la speculazione sulla fede che mi ha sempre molto affascinato". Mentre su Oltre il giardino "ha pesato il mio amore per Peter Sellers". Pietro Germi, infine, dice Verdone:" è il più grande regista di commedia e Divorzio all'italiana un film perfetto". Verdone ha ricordato poi come il padre Mario lo boccio a un esame di storia e critica del cinema chiedendogli di Pabst e Dreyer: "Mi interrogò per primo e mi fece fare una brutta figura davanti a tutti. Mi disse solo con freddezza 'Si presenti alla prossima sessione'".

Sull'onda lunga delle serie tv spiega: "Tanti miei colleghi le criticano e sbagliano è un solo nuovo modo di fruire il cinema. È vero sono fatte come in un'industria, creano dipendenza, ci sono dietro psicologi, ma credo comunque che il film unico sia quello davvero creativo per eccellenza". Conferma poi che al di là di tutto farà una serie tv tra due anni: "Aspetto solo che torni Aurelio De Laurentiis da Los Angeles, per annunciarlo. Non posso ancora darlo per certo". Il suo nuovo film 'Si vive una volta sola', infine, arriverà in sala il 27 febbraio: "E' una buona data che ci permette di non avere tante battaglie da fare con altri titoli e di ottenere un numero elevato di sale".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA