Lino Banfi, l'Italia attraverso i suoi ruoli

Regista Damato, con Chansonnier in scena lui e i suoi personaggi

Un docudrama nel quale Lino Banfi racconterà "la sua vita facendo rivivere i suoi personaggi, insieme a 'se stesso', Pasquale Zagaria, e a tanti amici": è 'Chansonnier', il progetto sul quale il regista Cosimo Damiano Damato sta lavorando con l'attore. "Inizieremo presto le riprese. Abbiamo scritto la sceneggiatura - spiega all'ANSA il regista che ha presentato qualche giorno fa al Festival del cinema europeo di Lecce il documentario su Don Gallo, Prima che il gallo canti -. Verrà fuori un Banfi inedito, con una straordinaria capacità di riflettere l'Italia attraverso i suoi ruoli".

Nel suo lavoro, Damato ha spesso voluto raccontare "nostri grandi talenti, da Alda Merini a Foà, fino a Don Gallo, quando erano ancora vivi. L'Italia invece è il Paese dei funerali di Stato. Da morti sono tutti geni, in vita invece spesso non gli si dedica l'attenzione che meritano. Banfi per me ha la poesia di Chaplin, nel modo in cui ha incarnato il riscatto del sud. Nella 'leggerezza' della sua arte ho individuato gli stessi grandi valori che trovo in personaggi che ammiro molto, come Moni Ovadia (che appare anche nel documentario su Don Gallo e lo ha presentato a Lecce insieme al regista) e Erri De Luca, con cui sto lavorando in questi periodo".

Nel docudrama su Banfi (che sarà prodotto da Angelo Tumminelli con cui Damato aveva già realizzato Alda Merini - Una donna in palcoscenico), ci saranno anche due personaggi in animazione, tra i quali una femme fatale "che racchiuderà un po' tutte le donne dei suoi film". Ripercorrendo la sua carriera "capisci ancora di più che grande attore sia. Dalla prova con Sordi in Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy a una commedia come Dio li fa poi li accoppia di Steno, dove il suo personaggio, omosessuale, ha una scena in cui recita un monologo bellissimo sui propri sentimenti, sulle difficoltà quotidiane, scritto da Lino: lui ha spesso ha arricchito i suoi ruoli riscrivendo le sue parti".

Come sta andando il lavoro insieme? "Benissimo, è un uomo di grande generosità, molto aperto ai suggerimenti, e pieno di idee geniali. E' una persona con un rapporto molto profondo con la realtà". Invece insieme a Erri De Luca (con il quale aveva già realizzato il corto Tu non c'eri, nel quale recitava Piero Pelù) Damato sta lavorando a più progetti: tra questi un lungometraggio, 'Il cielo in una stalla': "Abbiamo scritto la sceneggiatura, è la storia di suo padre durante la II Guerra Mondiale. Il film unirà live action, per la parte della storia ambientata negli anni '60 e dei flashback agli anni '40 in animazione, che faremo con la Mad di Luciano Stella (che ha prodotto Gatta cenerentola, ndr). Con Erri stiamo scrivendo anche un documentario su Lotta continua che gireremo nel 2019, per i 50 anni dalla nascita".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA