Philip Johnson "nazista" espulso dal MoMA

Nome architetto coperto durante mostra su neri e architettura

(ANSA) - NEW YORK, 02 MAR - Dopo un braccio di ferro con un gruppo di noti artisti, architetti e esponenti del mondo accademico, il MoMA ha accettato di mettere "temporaneamente" all'indice Philip Johnson da una delle sue gallerie. Il nome dell'architetto della Glass House, di cui di recente sono emerse simpatie per le teorie della razza del Terzo Reich, sara' coperto dall'opera collettiva di un gruppo di artisti afro-americani per tutta la durata della mostra "Reconstructions: Architecture and Blackness".
    Johnson ha lavorato al museo e con il museo per ben sei decenni durante i quali "non ha soltanto avallato, ha anche personalmente istigato pratiche razziste nel campo dell'architettura", avevano scritto al MoMA, tra gli altri, l'artista Xaviera Simmons, l'architetta del paesaggio Kate Orff e il professore di architettura a Princeton Mitch McEwen.
    Citando il fascino esercitato su Johnson dal nazismo e la sua opera di proselitismo negli Usa negli anni Trenta, tra cui il tentativo di fondare un partito fascista in Louisiana, oltre che al museo, il "Johnson Project Group" aveva scritto anche a Harvard chiedendo di cancellare il nome dell'architetto da un edificio di Cambridge da lui progettato come tesi di dottorato.
    L'ateneo aveva prontamente accettato.
    Ora e' la volta del MoMA, e non e' chiaro cosa succedera' alla chiusura della mostra: intanto pero', e fino al 31 maggio, al posto del nome di Johnson i visitatori del museo vedranno l'opera del Black Reconstruction Collective, un gruppo che raccoglie i dieci partecipanti alla rassegna: Emanuel Admassu, Germane Barnes, Sekou Cooke, J. Yolande Daniels, Felecia Davis, Mario Gooden, Walter Hood, Olalekan Jeyifous, V. Mitch McEwen e Amanda Williams. Una tela di denim di tre metri per tre, l'opera contiene il "Manifesto" del gruppo, con l'auspicio di un futuro per artisti e architetti di colore e un impegno alla ricostruzione dlla Black America. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        In Collaborazione con

        Vai al sito del Maxxi

        Modifica consenso Cookie