Sicilia

  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Speciali
  4. Vino: Doc Etna conquista la stampa internazionale

Vino: Doc Etna conquista la stampa internazionale

Giornalisti da Usa e Nord Europa agli Etna days, successo brand

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 21 SET - Ormai è diventato un brand di successo tanto da suscitare l'interesse non solo dei winelover e dei produttori vitivinicoli più noti, che fanno a gara per acquistare ettari di vigneto e aprire una cantina sul vulcano, ma anche della stampa internazionale. Come testimonia l'esordio degli "Etna Days", il primo evento istituzionale organizzato dal Consorzio di Tutela Vini Etna Doc a ridosso della vendemmia per presentare le differenti sfaccettature della viticoltura etnea.
    Dal 14 al 17 settembre, una platea composta da esperti degustatori e giornalisti, provenienti prevalentemente da Nord America e Nord Europa, ha avuto l'opportunità di scoprire le caratteristiche produttive della denominazione, attraverso un ricco programma di degustazioni, masterclass e visite ai produttori del vulcano, ammirando al contempo la bellezza del paesaggio e le testimonianze di una viticultura eroica millenaria.
    "Con gli Etna Days - commenta Francesco Cambria, presidente del Consorzio - abbiamo voluto promuovere la nostra denominazione portando la stampa accreditata a scoprire dove nascono i nostri vini e, attraverso le oltre 240 etichette in degustazione ne abbiamo mostrato l'unicità e la particolarità.
    Ci auguriamo che questo appuntamento annuale consenta al nostro territorio di essere percepito sempre di più come uno dei classici della viticoltura internazionale e non solo come un territorio oggi alla moda".
    Le attività della quattro giorni dedicata alla DOC Etna hanno messo al centro gli elementi che contraddistinguono l'enologia del vulcano: la natura, la cultura e la storia. A partire dall'Etna, nella sua espressione più radicale, con i versanti e le colate laviche, le esposizioni e le differenti condizioni pedoclimatiche. I muretti a secco, patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, simbolo di una viticoltura eroica, che con i suoi contorni caratterizzano il paesaggio della denominazione. Le visite ai palmenti rupestri, che testimoniano come il vino ha caratterizzato da sempre l'economia di questo angolo di Sicilia.
    La crescita della denominazione degli ultimi anni, in termini qualitativi e quantitativi è testimoniata dai numeri. La superficie vitata è passata dai 680 ettari del 2013, rivendicata da 203 produttori, ai 1184 ettari nel 2021 suddivisi in 390 viticultori, per una media di meno di un ettaro ad azienda, e con solo sette realtà che superano i venti ettari: un territorio fortemente parcellizzato, con le differenze pedoclimatiche che cambiano nel raggio di pochi chilometri. Per queste ragioni si parla dell'Etna come di "un'isola nell'isola".
    Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio per i vini rossi, rosati e spumanti, Carricante e, in misura minore, Catarratto per i vini bianchi: sono i vitigni locali maggiormente impiegati per i vini Etna DOC. La produzione, cresciuta fortemente negli ultimi anni, evidenzia l'ottimo stato di salute della denominazione, e il costante aumento dei consumatori per questo territorio. Scendendo nel particolare delle tipologie, L'Etna Rosso ancora oggi è il portabandiera della denominazione con quasi 1.500.000 di bottiglie, con una crescita del 27% rispetto al 2021, segue l'Etna Bianco con circa 1.210.000 pari ad un + 37%, e l'Etna Rosato con 453.500 bottiglie e un balzo del +50%.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie