Sicilia

  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Speciali
  4. Sicilia: sei per il post-Musumeci, 900 candidati in liste

Sicilia: sei per il post-Musumeci, 900 candidati in liste

In arrivo leader delle coalizioni per sostenere i loro candidati

Redazione ANSA PALERMO

    Numeri da record in Sicilia per le elezioni regionali del 25 settembre: sono ben sei i candidati alla presidenza della Regione e circa 900 le persone inserite nelle liste in corsa per uno dei 70 scranni dell'Assemblea regionale siciliana. Si vota nello stesso giorno delle politiche, gli elettori troveranno quindi tre schede per votare: Senato della Repubblica, Camera dei deputati e Regione siciliana. Dopo le tensioni tra i partiti della coalizione che hanno impedito la ricandidatura di Nello Musumeci, il centrodestra si presenta unito attorno a Renato Schifani, cinque le liste in suo appoggio: Forza Italia, Fratelli d'Italia, Prima l'Italia-Lega, Popolari e autonomisti e Dc. In frantumi l'alleanza progressista tra M5s e Ps che aveva portato alle storiche primarie, Dem e partiti della sinistra sostengono Caterina Chinnici: l'eurodeputata, figlia del giudice Rocco Chinnici assassinato dalla mafia, ha il sostegno di due liste, il Pd e Fava/Centopassi. Una sola lista composta da militanti e dirigenti per il M5s che candida a governatore Nuccio Di Paola, referente regionale del movimento. Nove le liste messe in campo da Cateno De Luca, il leader del movimento 'Sicilia Vera', che punta a Palazzo d'Orleans dopo essersi dimesso in anticipo da sindaco di Messina. In campo anche Gaetano Armao, attuale vice presidente della Regione siciliana e assessore all'Economia nel governo Musumeci: sostenuto da Azione di Calenda e Italia Viva, Armao ha lasciato Forza Italia. In corsa c'è anche Eliana Esposito degli indipendentisti Siciliani liberi. Il Tar oggi ha escluso Fabio Maggiore di Italia sovrana e popolare, ritenendo inammissibile il ricorso che era stato presentato contro la ricusazione della lista regionale dall'ufficio elettorale presso la Corte d'appello. Tenendo conto dei sondaggi che circolano da diversi giorni, la sfida in Sicilia sarebbe quanto mai incerta. Anche le previsioni sulle liste sono alquanto ballerine anche se la coalizione di centrodestra viene data in vantaggio. Decisive saranno le prossime due settimane. I partiti più grossi puntano tutto sull'appeal dei propri leader che arriveranno in Sicilia per tirare la volata a candidati e liste. Dopodomani il centrodestra si presenterà compatto con Schifani alla convention di Palermo; dal 15 al 17 invece riflettori su Giuseppe Conte: per il leader del M5s si preannuncia una maratona, con tre comizi al giorno in altrettanti comuni delle nove province dell'Isola. Si rincorre la voce di un blitz di Silvio Berlusconi a Marsala tra il 16 e il 17 mentre sono scontati - mancano solo le date ufficiali - gli arrivi imminenti di Giorgia Meloni, Matteo Salvini ed Enrico Letta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie