Sicilia
  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Teatro: nello specchio di Livermore la tragedia di ogni tempo

Teatro: nello specchio di Livermore la tragedia di ogni tempo

Agamennone apre la stagione di Siracusa. Dieci minuti d'applausi

(ANSA) - SIRACUSA, 18 MAG - Di fuoco in fuoco, la notizia ha attraversato il mare, Troia è in fiamme, la guerra è vinta e ora può bruciare pure Argo. E il pubblico, gli attori, possono guardarsi allo specchio, su una parete immensa, che in un abbraccio raccoglie il passato e il presente e muta in protagonisti anche gli spettatori. Eschilo è qui, parla di noi, riflette il nostro destino, come quello di Clitennestra che ora attende il marito Agamennone al varco e conta le ore che la separano dalla vendetta. Il Teatro Greco di Siracusa è sold out, come prima della pandemia. Ottantamila i biglietti già venduti per le prime recite e ieri sera la stagione dell'Inda è stata inaugurata con "Agamennone" di Eschilo, primo atto della trilogia, per la regia di Davide Livermore.
    Il motore di tutta la tragedia, questa e quelle a venire, è l'uccisione della piccola Ifigenia per mano del padre, comandante delle forze achee: uccidere una figlia per far alzare il vento e far partire le navi. Ecco il primo delitto. Ifigenia, che nel testo di Eschilo è solo evocata, viene portata in scena da Livermore che ne fa un fantasma visibile solo a Cassandra.
    Ifigenia brandisce un pugnale ed è del tutto solidale con la madre pronta a compiere la vendetta. Davanti alla parete specchiante, ecco un occhio immenso, che già lo scorso anno era in "Coefore" ed "Eumenidi". Il fuoco si mischia alle immagini, i video design di D-Wok, i volti di Oreste e Elettra che completeranno l'Orestea, il sangue che scorre. Tutto è ambientato negli anni Trenta del Novecento, in un tempo al limite della dittatura, tra le due guerre mondiali, con i reduci in sedia a rotelle e il coro formato da cinque infermieri. Le scene del tutto innovative hanno la firma di Livermore e di Lorenzo Russo Rainaldi. Per i reali di Argo è stato pensato un salotto chesterfield. I costumi di Gianluca Falaschi sono eleganti, preziosi, abiti da sera per Clitennestra, dal nero di una comune giornata al rosso totale per accogliere Agamennone.
    Ciò che è del tutto sconosciuto nella tragedia è il perdono: non riguarda Elena, quella dai tanti mariti, né Agamennone, il quale non solo ha ucciso la figlia, ma torna dal fronte con l'amante Cassandra, preda di guerra, dono dell'esercito. E così il rancore si moltiplica. "Solo dalla sofferenza si impara" dice Eschilo, ma qui ancora c'è livore e sete di vendetta, soprattutto nel "cuore maschio" di Clitennestra.
    Livermore ha dato vita a un'architettura complessa in cui tutto è al proprio posto e il filmato di un volo d'uccelli, imprevedibilmente, si associa al passaggio reale di uno stormo sopra: magia del teatro e di una serata che si conclude con dieci minuti abbondanti di applausi.
    Un capolavoro di profondità e di armonia, con una recitazione straordinaria: da Laura Marinoni, Clitennestra, a Linda Gennari, Cassandra, tutti agevolati dalla modernissima traduzione di Walter Lapini. La tensione attoriale è alle stelle, da Sax Nicosia (Agamennone), a Egisto di Stefano Santospago, trattato dalla regina come un inutile schiavo.
    Meraviglioso cast completato da Olivia Manescalchi (messaggero), al coro formato da Gaia Aprea, Maria Laila Fernandez, Alice Giroldini, Marcello Gravina, Turi Moricca e Valentina Virando.
    Tutto è legato come in una partitura musicale, che partendo da Bach si allontana fino all'atonalità nelle musiche di Mario Conte, e poi al rock per i saluti finali. E' la firma di Livermore che si accommiata dalla tragedia con l'ironia di chi sa che non è finita qui. Repliche fino al 3 giugno. E stasera va in scena "Edipo re" con la regia di Robert Carsen. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie