Dj morta: proseguono le ricerche di Gioele, dodicesimo giorno

'Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti' dice il padre. Il procuratore: 'Nella macchina della mamma il piccolo era vivo, si vede il viso'

 Proseguono senza sosta anche a Ferragosto, per il 12esimo giorno consecutivo, le ricerche di Gioele Mondello, 4 anni, scomparso lo scorso 3 Agosto con la madre Viviana Parisi, poi trovata morta nelle campagne di Caronia. Anche oggi 70 uomini tra vigili del fuoco, forestali, protezione civile, polizia e carabinieri del gruppo Cacciatori di Sicilia stanno perlustrando la zona dove è stata trovata morta la donna e quelle limitrofe con l'aiuto di droni e cani molecolari. Controllati anche casolari e pozzi. Le indagini, coordinate dalla Procura di Patti, proseguono in tutte le direzioni; resta aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio e sequestro di persona. Grazie al video recuperato a Sant'Agata di Militello prima che la donna avesse un incidente in galleria c'è un punto fermo: il bimbo era vivo a sant'Agata di Militello e in buone condizioni. Gl inquirenti ora si stanno dunque concentrando su quanto accaduto subito dopo l'incidente con un camion di operai avvenuto sulla galleria dell'autostrada prima di Caronia.

Una delle ipotesi è quella che il bimbo sia morto nell'impatto e poi Viviana si sia suicidata magari seppellendo prima il corpo del figlioletto. La polizia stradale conferma tuttavia come l'incidente sia stato di lieve entità, anche se non si può escludere nulla. Un'altra ipotesi è quella che madre e figlio siano stati assaliti nelle campagne di Caronia da cani o da altri animali selvatici trovando la morte . Un'altra possibilità, esclusa però dai familiari, è che la madre, magari spaventata per l'incidente, soffrendo anche di depressione, abbia potuto in un raptus uccidere il figlio e poi suicidarsi. Infine si batte anche la pista dell'omicidio da parte di qualcuno magari incontrato sul posto. Da giorni uomini della scientifica stanno analizzando i tabulati telefonici, il pilone nei pressi del quale è stato trovato il cadavere della donna e l'auto; anche un geologo forense, specializzato nella ricerca di corpi sotterrati, sta analizzando il tragitto della donna. Solo le risultanze dell'autopsia e le testimonianze dei turisti che hanno visto Viviana e il figlio dopo l'incidente, ma che ancora non si sono presentati agli inquirenti, potranno fare luce sulla vicenda.

"Chiunque abbia visto qualcosa dopo l'incidente, nelle campagne, si faccia avanti, chiami la polizia. Io amo mio figlio e lo voglio trovare...".

E' l'appello commosso lanciato tra le lacrime da Daniele Mondello, padre di Gioele, il piccolo di 4 anni scomparso lo scorso 3 agosto insieme alla madre Viviana Parisi,la dj di 43 anni trovata poi morta nelle campagne di Caronia nei pressi dell'autostrada A 20 Messina-Palermo.

Intanto il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, parlando delle indagini sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio ha detto che  "dal video di Sant'Agata di Militello si capisce che Gioele era vivo: si vede la faccia e si vede che è vivo. L'immagine è chiara. E questo rende più fondata l'ipotesi che nell'incidente stradale il bambino fosse con la madre. Parliamo di ipotesi perché c'è un 'buco' di 10 minuti". 

I familiari del piccolo non lasciano niente di  intentato per trovare il bambino di 4 anni scomparso da 11 giorni. Così Mariella Mondello, zia paterna del piccolo, ha contattato anche una sensitiva, Rosa Maria Laboragine, che si dice "convinta che Giole verrà ritrovato a breve". "Lui - aggiunge - è lì, vicino alla madre e probabilmente adagiato su alcune foglie". "Sono diversi giorni - aggiunge Laboragine - che sto male per la situazione di questo bambino. Se non dovesse essere ritrovato tra qualche giorno verrò io ad aiutarli. Sono sicura che il suo corpicino verrà ritrovato e portato alla famiglia". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie