Cucina d'evasione a Sa Trachixedda

Dal menù agli arredi tutto parla un sardo 'moderno'

Evasioni golose, gourmet, con un occhio alla tradizione, ai profumi caserecci, e un ricettario che valorizza i prodotti locali e stagionali. A Sa Trachixedda, ristorante nel centro storico di Cagliari, a dettare il menù è quel che giorno dopo giorno offre il mercato di San Benedetto. E' un piacere varcare la soglia di questo locale di via Francesco Coco, dietro la pedonale via Garibaldi, incastonato in un angolo che richiama le atmosfere e i silenzi di un piccolo borgo. Il team è giovane, motivato, affiatato. Ti accoglie la carica vitale e di simpatia di Claudia Pugliese, la titolare. Figlia d'arte e cresciuta professionalmente tra fornelli e i tavoli di Sa Tracca, il ristorante di famiglia, è affiancata da Mattia Ferrara e dallo chef Stefano Tremulo, con gli aiuto cuoco Carlo e Alboury. "La nostra filosofia è quella di valorizzare i piccoli produttori e viticoltori, ma anche artisti e artigiani", spiega Claudia all'ANSA.

All'interno, negli arredi, quel mix di tradizione e modernità. Serigrafie di Skan, le ceramiche delle sorelle Ariu, utensili sardi, ceramiche smaltate pastello tra brocchette e tazze in scivedda dell'artigiano Walter Usai, portasciugamani creati da Caterina Quartana. Toni soffusi tra note jazz e soul, blues e pop per gustare le specialità della casa: triglia in tempura con salsa alle zucchine e maionese al prezzemolo, uovo morbido su spuma ai broccoli e porro croccante, quaglia accompagnata da patata morbida al pepe e spinaci saltati. Tra i primi ottima la Fregula fatta a mano dallo staff, cotta nel brodo di pollo e condita con funghi, ricotta salata e mele.

Tra i secondi da non perdere la rivisitazione del coniglio a succhittu o il calamaro piastrato servito con crema di zucca, scarola saltata e riduzione di moscato. Infine i dessert: dalla Camilla, tortino alle carote, al gelato alla vernaccia del pluripremiato maestro gelatiere Fabrizio Fenu, gateau di mandorle e abbamele con crema alla pardula, crumble alla semola e mele cotte. Piatti abbinati a vini di nicchia: tra tutti, cantine Dettori, vigneto Santu Teru e cantina Meigamma.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere