COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Via libera a programma Arteven per il 2021

in Sesta commissione

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

(Arv) Venezia 20 gen. 2021 – Il programma di attività di Arteven per il 2021, il circuito regionale del teatro e dello spettacolo dal vivo di cui è socia la Regione Veneto, è stato oggetto di approfondito esame da parte della commissione Cultura del Consiglio regionale. La commissione, presieduta da Francesca Scatto (Zaia Presidente), ha dato via libera unanime alla programmazione culturale prospettata dall’associazione, Nonostante l’emergenza creata dalla pandemia e i limiti posti dalle misure di contenimento del rischio contagio l’associazione regionale per il teatro veneto, ha messo in programma per quest’anno la produzione e la circuitazione nel territorio regionale di 500 titoli tra prosa, danza, musica e spettacoli circensi, con il coinvolgimento di 110 compagnie artistiche, di 78 enti, tra comuni e altri soggetti, e l’utilizzo di 92 spazi, tra teatri, sale pubbliche e spazi all’aperto, distribuiti nelle sette province venete. Il budget di spesa complessiva preventivato per l’anno in corso è di 4.100.000, sostenuto da un contributo regionale di 650 mila euro. Il calendario e la tipologia della programmazione tiene conto dei diversi scenari di ‘ripartenza’ dello spettacolo dal vivo ipotizzati e prevede capienze ridotte per i mesi primaverili e per quelli del prossimo autunno puntando soprattutto sugli spettacoli all’aperto nei mesi estivi. In questo periodo di grande difficoltà per il mondo dello spettacolo dal vivo Arteven – hanno spiegato il direttore Pierluca Donin e il presidente Massimo Zuin – ha impostato anche un programma alternativo nel web come i radiodrammi e continua a dedicare parte della propria attività alla scuola e ai giovani, con lezioni-spettacolo nel web e in streaming. Sta prevedendo, inoltre, di impiegare alcuni teatri veneti per ospitare laboratori teatrali per ragazzi e adolescenti, nel rispetto dei limiti degli attuali protocolli di sicurezza e didattici.

“Arteven – ha sottolineato la presidente Scatto – sta aiutando in modo fattivo il mondo della cultura ad affrontare questa fase di emergenza. Il programma per il 2021 rappresenta un’offerta culturale multidisciplinare e capillare, con progetti molto validi che raggiungono le persone nei loro territori e ambiti di vita, utilizzando tutti gli strumenti possibili, compresi quelli digitali, rivelatisi così preziosi in questo momento di isolamento e di sofferenza sociale ed economica”. La vicepresidente Elena Ostanel (Veneto che vogliamo) ha invitato Arteven a valorizzare nelle proprie produzioni e nei propri circuiti anche le compagnie minori, quelle che non beneficiano dei fondi FUS, in particolare in questa fase di emergenza Covid e di produzioni in streaming. Un modo –  ha spiegato Ostanel - per mantenere in vita un patrimonio di esperienze artistiche innovative, professionalità e maestranze di cui è ricco il Veneto.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie