COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Lorenzo Guglielmetti: distributori automatici di pellet, una rivoluzionaria opportunità di business

Pagine Sì! SpA

Il settore del vending, in Italia, sta crescendo in modo significativo. I distributori automatici smart, ovvero intelligenti e connessi, sono sempre più utilizzati dai cittadini. I dati parlano chiaro: sono più di 850mila le vending machine nel nostro paese, leader indiscusso in Europa. Un successo made in Italy, quindi, che rappresenta una rivoluzione anticipando i trend e le esigenze del mercato.

Lorenzo Guglielmetti, illuminato imprenditore, ha colto appieno questo concetto, presentando al mercato un sistema vending green per la distribuzione automatica di pellet.

«Rivolgiamo da molti anni la nostra attenzione verso i distributori automatici con riciclo del packaging. Oggi però è sempre maggiore l’esigenza di coniugare il business con lo spirito ecologico, ciò ci ha condotto a realizzare il primo distributore automatico di biomasse sfuse (DAb)».

L’acquisto di un DAb, per un imprenditore o per un privato, è un buon investimento: «Aggiungerei un investimento che si ripaga in pochissimi mesi solo considerando la vendita del pellet. A ciò vanno aggiunti altri enormi vantaggi come l’iperammortamento del 270% consentito dal Decreto Industria 4.0 e la possibilità di introiti derivanti dalla vendita di spazi pubblicitari sul monitor del distributore stesso. I costi di gestione sono pressoché nulli e un software all’avanguardia consente di gestire da remoto tutte le funzionalità della macchina».

Un vantaggio non solo per il venditore, ma anche per l’utilizzatore finale che può acquistare il pellet in assoluta libertà, nella quantità desiderata, senza intermediari, 24 ore su 24, vicino a casa e a un prezzo più basso della media del mercato.

Più che una sfida green, quindi, una certezza: «Ma soprattutto – aggiunge Guglielmetti - una grossa opportunità da cogliere in fretta cavalcando l’attuale tendenza del mercato prima che il mercato stesso si saturi. Proprio per questo il DAb viene assegnato in esclusiva territoriale eliminando completamente la concorrenza nella propria zona di competenza».

 

 

Archiviato in