COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Zucchet Aldo srl: punture da acaro, cosa fare?

Pagine Sì! SpA

In queste ultime settimane giungono numerose segnalazioni di cittadini che si rivolgono alle strutture sanitarie per patologie collegate a punture da acaro.

I tecnici della Zucchet Aldo srl, azienda leader nei sistemi di trattamento contro questi parassiti, indicano che si tratta di acaro pyemotes vetricosus.

Si tratta di un acaro che colpisce frequentemente persone che abbiano nelle proprie residenze mobili infestati da tarli del legno (anobidi). L’associazione tra anobidi (i tarli) e Pyemotes ventricosus è molto stretta; l’acaro viene infatti considerato parassita del “tarli dei mobili”.

Invisibile ad occhio nudo per le sue ridottissime dimensioni (circa mezzo millimetro), questo acaro, dotato di stiletti boccali, pungendo può causare gravi dermatiti, a volte associate a sintomi più complessi quali febbre, mal di testa, vomito, diarrea, per l’azione delle tossine immesse.

Gli specialisti della Zucchet Aldo srl, utilizzano un protocollo di intervento che nella prima fase prevede l’isolamento dei mobili infestati sottoponendoli a trattamento per anossia (utilizzando sistemi a CO2 o ad azoto, completamente ecologici); successivamente si procede al trattamento chimico (tramite generatori di nebbie fredde) dell’intera volumetria degli immobili infestati.

A 24 ore dall’inizio del trattamento degli spazi infestati, le persone possono rioccupare gli ambienti sanificati come certificato dal personale della Zucchet Aldo srl.

Archiviato in