Friuli Venezia Giulia

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Friuli Venezia Giulia

Emergenza Coronavirus, deceduto un ospite della casa di riposo a Tolmezzo

Negativi i primi 67 tamponi effettuati ad anziani e operatori

ANCI Friuli Venezia Giulia

Una persona ospite della Azienda Pubblica di servizi alla persona delle Carnia di Tolmezzo è risultata positiva al COVID-19. La persona, che purtroppo aveva lo stato di salute già irrimediabilmente compromesso prima di contrarre il virus, abbiamo appena appreso essere deceduta all’ospedale di Udine.

Immediatamente grazie all’intervento della Responsabile del Distretto Sanitario, dott.ssa Loik,  è stato possibile reperire il materiale necessario all’effettuazione dei tamponi ed i primi 67 sono già stati eseguiti nel pomeriggio di ieri al personale e agli anziani della struttura tolmezzina che hanno operato o hanno soggiornato nella stessa sezione della persona positiva. Nel mentre, la persona risultata positiva, viste le sue condizioni di salute critiche a prescindere dal COVID-19, è stata trasferita subito nell’ospedale di Udine, dove purtroppo è deceduta nella giornata di oggi.

Questa mattina  sono stati comunicati gli esiti negativi su tutti i tamponi eseguiti. Nella mattinata odierna, il dott. Cesare Miani e il dott. Antonello Conte, coadiuvati dal personale infermieristico della struttura hanno provveduto a completare il monitoraggio di tutta la popolazione residente costituita da 160 ospiti e più di 100 operatori.

A nome della Città di Tolmezzo e della sua comunità che rappresento, esprimo di cuore le condoglianze ai familiari della persona deceduta e al contempo tutta la vicinanza possibile alle persone che vivono o che lavorano dell’Asp Scrosoppi, alla direttrice Annalisa Faggionato, al Presidente Andrea Marzona e al consiglio di amministrazione tutto. Assieme a loro sto affrontando questa vicenda con la vicesindaco assessore alla salute Fabiola De Martino, in costante contatto con i vertici della azienda sanitaria, con Denis Caporale e con l’assessore Riccardi che ringrazio tutti.

Non appena è emerso il caso di positività l'ASP Scrosoppi ha provveduto ad avvisare telefonicamente i parenti di ogni singolo ospite fornendo tutte le informazioni sull'accaduto. Per questo motivo etico - informare della vicenda prima i familiari direttamente, ed evitare che lo vengano a sapere dai social o dagli organi di informazione - abbiamo tenuto in stand-by questa comunicazione che ora possiamo diffondere.

L’ASP di Tolmezzo è stata la prima a sbarrare i cancelli e impedire le visite dei parenti, già a fine febbraio. Una misura dolorosa se si vuole, che fu anche contestata da alcuni parenti ma che servì a diminuire drasticamente le probabilità di ingresso del virus. 

Immediatamente la direzione ha sospeso tutte le situazioni di lavoro in promiscuità con altre strutture: dal 16 marzo chi lavora a Tolmezzo lo fa solo li e non anche in altre case di riposo.

Dal 13 marzo inoltre tutti gli operatori sono obbligati ad utilizzare i dispositivi di protezione individuale per tutelare se stessi e gli ospiti e a tal fine sono stati adeguatamente dotati  di mascherine e   guanti a titolo di prevenzione della diffusione del virus e di mascherine FFP2/FFP3, visiere e camici per affrontare eventuali situazioni di positività.

Gli stessi lavoratori da oltre un mese vengono sottoposti a rilevamento della temperatura ogni volta che accedono alla struttura e in caso di malattia possono rientrare solo dopo aver effettuato il tampone con esito negativo. La stessa modalità viene richiesta per il rientro delle persone anziane  dalle  strutture ospedaliere/sanitarie.
 
Ma purtroppo questo virus dimostra una capacità di penetrazione e diffusione elevatissima.

Nota del sindaco della Città di Tolmezzo, Francesco Brollo

 

 

Archiviato in


Modifica consenso Cookie