PMI

Camere commercio:Cosenza, consegnati premi Terre di Calabria

Riconoscimento giornalistico istituito da Ente nel 2017

Ansareg camera di commercio (ANSA) - COSENZA, 04 SET - Si è tenuta, nel "Salone Mancini" della Camera di Commercio di Cosenza, la cerimonia di consegna della seconda edizione del "Premio giornalistico internazionale Terre di Calabria".
    Istituito dalla Camera di Commercio di Cosenza nel 2017, il riconoscimento si pone l'obiettivo di promuovere la conoscenza di un territorio che ha sempre più bisogno di "essere raccontato" per le sue tradizioni e per le realtà produttive poco note al grande pubblico internazionale.
    La seconda edizione ha visto confrontarsi oltre 30 candidati provenienti da Russia, Slovenia, Germania, Olanda, Spagna, Australia, Svizzera, Albania, Portogallo, Brasile, Romania e Inghilterra, oltre che dall'Italia, che hanno risposto all'avviso di partecipazione pubblicato nel 2019, cui è seguito un press tour di tre giorni durante il quale 15 giornalisti stranieri hanno raccolto spunti e suggestioni per articoli e video destinati ad importanti riviste e televisioni dei vari Paesi di origine.
    La cerimonia di premiazione, che doveva svolgersi nell'aprile del 2020, è stata posticipata a causa del Covid19 e si è potuta finalmente svolgere ieri sera nel pieno rispetto delle norme di contenimento della pandemia.
    A Gina de Azvedo Marques (Portogallo) è andato il premio per il "Miglior articolo foto-giornalistico apparso sulla stampa estera", mentre Isa Grassano ha ottenuto il premio per il "Miglior articolo foto-giornalistico apparso sulla stampa italiana".
    Per la categoria "Miglior servizio radio - TV" si sono aggiudicati il premio Hamid Masoumi Nejad (Iran) per la stampa estera e Bruno Gambacorta per la stampa italiana.
    Christina Hofferer (Germania) e Vincenzo Petraglia (Italia), infine, hanno vinto i due "Premi della Giuria".
    "Il Premio Terre di Calabria - afferma il presidente della Camera di commercio di Cosenza, Klaus Algieri - è, innanzitutto, un riconoscimento al racconto delle altre verità . Quelle verità fatte di bellezza, cultura, natura, eccellenza, che facilmente soccombono ad una narrativa troppo spesso concentrata, anche consapevolmente, sugli aspetti negativi, che pure esistono ma che non bastano, da soli, a descrivere la realtà. Si tratta di una semplificazione che alimenta un circolo vizioso e che finisce per distorcere la percezione che si ha della Calabria, soprattutto al di fuori dei suoi confini. Abbiamo il dovere di correggere e superare questa distorsione, ma per farlo occorre un richiamo forte alla responsabilità dei media, in primis, e poi di tutti noi, nel raccontare in modo diverso la nostra terra." (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie