Lavoro: 9.900 nuovi posti nelle imprese provincia di Perugia

Sempre più difficile reperire i profili professionali richiesti

(ANSA) - PERUGIA, 20 AGO - Sono 9.900 le unità lavorative che le imprese hanno in previsione di assumere nel trimestre agosto-ottobre di quest'anno, l' 8,4% in più rispetto allo stesso trimestre di un anno fa. E' quanto emerge dai dati sui programmi occupazionali delle imprese operanti in provincia di Perugia rilevati dal Sistema Excelsior per il trimestre, diffusi dalla Camera di commercio di Perugia.
    Nel solo mese di agosto in corso le necessità occupazionali delle imprese toccano quota 2.090 unità, dato che sostanzialmente replica quello di agosto 2018 (2.110). Resta molto difficile, anzi è in peggioramento da 32 a 34 casi su cento, reperire i profili professionali desiderati dalle imprese. "Preoccupa - commenta in una nota Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di commercio di Perugia - il dato sul mismatching tra domanda e offerta di lavoro: le imprese perugine incontrano difficoltà crescenti per reperire i profili professionali di cui hanno necessità". "Come dire - spiega Mencaroni - le imprese 'producono' lavoro, ma poi non riescono a coprire i nuovi posti".
    Le professioni più difficili da reperire in questo mese di agosto - è detto ancora nella nota - sono gli operai specializzati nell'edilizia e nella manutenzione degli edifici, gli operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche, e i tecnici delle vendite, del marketing e della distribuzione commerciale.
    Le assunzioni a tempo determinato, comunque a durata predefinita, prevalgono largamente su quelle a tempo indeterminato e di apprendistato: 76% contro 24%. Dei 2.090 contratti che saranno attivati in questo mese di agosto, 669, il 32%, andranno a giovani con meno di 30 anni - dato in leggera contrazione su agosto 2018 (-3%). Supera di due punti percentuali la media nazionale l'offerta di posti di lavoro per profili "high skill" (dirigenti, specialisti e tecnici): 19% in provincia di Perugia, 17% in tutta Italia.
    Nel corrente mese di agosto troveranno una occupazione 209 laureati (10% delle entrate al lavoro), mentre per una quota pari al 63% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore.
    Le imprese che hanno previsto assunzioni nel corrente mese di agosto sono il 9% di tutte le imprese della provincia di Perugia con almeno un dipendente, circa 16.000. Dunque ad agosto 2019 hanno fatto assunzioni circa 1.440 imprese.
    Tornano ad assumere le imprese di maggiori dimensioni: sale al 40% la quota di entrate in aziende con più di 50 dipendenti, 20 punti in più rispetto al dato di un anno fa. In provincia di Perugia il lavoro viene creato soprattutto nei settori dei servizi, il 65% di tutte le entrate previste viene da lì. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni