Antenna 5G a Frossasco, causa civile per tutelare scolari

Avvocato, "proviamo a far passare il principio di precauzione"

(ANSA) - TORINO, 13 LUG - Alcune decine di persone si sono radunate questa mattina per un presidio davanti al tribunale di Torino. "Stop 5G", "Non siamo cavie", era scritto su alcuni dei cartelli comparsi davanti al palazzo di giustizia. Il presidio è stato organizzato in occasione dell'udienza per la causa civile intentata dall'avvocato Edoardo Valentino e dal professore universitario e membro del Comitato Rodotà Ugo Mattei, questa volta in veste di avvocato, contro il consorzio Topix, il Comune di Frossasco e la Città Metropolitana di Torino. L'oggetto del contendere è un'antenna alta 25 metri comparsa nei pressi di una scuola di Frossasco (Torino): "Proviamo a far passare l'idea di un principio di precauzione sul tema dell'inquinamento elettromagnetico, per la tutela delle generazioni future. È stato posizionato un palo vicino alla scuola e nessuno ha ancora capito bene a cosa serva - spiega Mattei - Ci rifacciamo al tema del diritto alla salute. Il comitato di genitori ha fatto di tutto, ora l'unica via resta quella della causa civile".
    Oggi in tribunale si tiene l'udienza per decidere dell'urgenza del ricorso: in caso di esito positivo, lo stop ai lavori potrebbe essere immediato. Si tratta della prima causa collettiva di questo tipo in Italia, anche se esistono diversi precedenti internazionali. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie