Oltretevere

  1. ANSA.it
  2. Oltretevere
  3. Cristiani nel mondo
  4. Ucraina: vescovi polacchi e ucraini, guerra è una disgrazia

Ucraina: vescovi polacchi e ucraini, guerra è una disgrazia

Un appello alla comunità internazionale

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Ogni guerra è una disgrazia e non può mai essere un modo appropriato per risolvere i problemi internazionali. Non lo è mai stato e non lo sarà mai perché essa crea nuovi, più gravi conflitti". Lo sottolineano in un appello alla comunità internazionale i vescovi di Ucraina e Polonia.
    "Con preoccupazione apprendiamo la notizia che le recenti serie di colloqui tra Russia e Occidente - sottolineano i vescovi - non hanno portato ad un accordo. Nei loro discorsi, i leader di molti paesi sottolineano la crescente pressione da parte russa contro l'Ucraina, ai cui confini sono stati massicciamente radunati armi e militari. L'occupazione del Donbas e della Crimea ha dimostrato che la Federazione Russa, violando la sovranità nazionale e l'integrità territoriale dell'Ucraina, manca di rispetto - sono le parole della Chiesa ucraina e polacca - per le norme vigenti del diritto internazionale. La situazione attuale è una grande minaccia per i paesi dell'Europa centro-orientale e per l'intero continente europeo".
    Per i vescovi "la ricerca di metodi alternativi alla guerra per risolvere i conflitti internazionali è diventata oggi un'esigenza urgente, perché il potere terrificante degli strumenti di distruzione a disposizione anche delle medie e piccole potenze e i legami sempre più forti esistenti tra le nazioni del mondo intero oggi rendono difficile o addirittura praticamente impossibile limitare gli effetti del conflitto.
    Forti dell'esperienza delle generazioni precedenti, facciamo quindi appello ai governanti affinché si astengano dalla guerra.
    Invitiamo i leader a ritirare immediatamente gli ultimatum e a non approfittare di altri paesi come merce di scambio. Qualsiasi divergenza di interessi dovrebbe essere risolta non con l'uso delle armi ma attraverso gli accordi. La comunità internazionale dovrebbe unire i suoi sforzi in solidarietà e sostenere attivamente in tutti i modi possibili la società minacciata".
    L'appello è firmato da: Arcivescovo Maggiore Sviatoslav Szewczuk, Primate della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina; Arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca; Arcivescovo Mieczysław Mokrzycki, Presidente della Conferenza Episcopale Ucraina; Arcivescovo Eugeniusz Popowicz, Metropolita di Przemysł-Varsavia della Chiesa Greco-Cattolica in Polonia;Vescovo di Nił Łuszczak, Amministratore Apostolico dell'Eparchia Greco-Cattolica di Mukaczewska. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie