• Nautica: Ferretti Yachts in parata a Venezia per 50/o
ANSAcom

Nautica: Ferretti Yachts in parata a Venezia per 50/o

Giornata-evento con Frecce Tricolori, apertura Arsenale Militare

ANSAcom

VENEZIA - Un evento pensato per celebrare agli occhi del mondo l'eccellenza del made in Italy, ma con un valore aggiunto: Venezia. In nome della sua storia marinara, della sua arte, della sua bellezza. E' con questo spirito che Ferretti Yachts ha voluto celebrare proprio a Venezia il suo 50mo anniversario, ed eccezionalmente per l'occasione si sono unite alle celebrazioni anche l'Aviazione e la Marina Militare. "Più che altro si sono incontrate una serie di circostanze fortunate - ha detto l'ad di Ferretti Group, avvocato Alberto Galassi -. E' proprio oggi l'anniversario della morte di Francesco Baracca, caduto cent'anni fa a Montello in quella che nella tradizione militare italiana è ricordata come la Battaglia del solstizio, in cui l'Esercito italiano si oppose all'offensiva austro-ungarica".
L'Aviazione voleva ricordarne la memoria. Ecco allora che l'evento Ferretti Yachts ha incontrato a Venezia l'interesse sia dell'Aviazione, sia della Marina Militare, che per un giorno ha aperto le porte dell'Arsenale Militare.
Secondo Galassi, in Italia la percezione della nautica sta cambiando, "finalmente si comincia a capire che nautica significa lavoro. Dopo lo sciagurato Governo Monti, che tanti danni ha prodotto per il settore, oggi le cose sono cambiate. Noi abbiamo 1.500 dipendenti diretti in 7 cantieri, e sono oltre duemila le persone che lavorano nell'indotto. Il nostro piano investimenti 2018-2020 prevede 80 nuove assunzioni. E' nell'interesse di tutto il comparto valorizzarsi al meglio e sarebbe colpevole non sfruttare il valore aggiunto che Venezia offre".
E' anche per questo che gli yachts Ferretti, ormeggiati per un giorno all'Arsenale Militare, hanno poi sfilato in parata al tramonto davanti a Piazza San Marco, mentre - in onore dell'eroe di guerra Francesco Baracca - sfrecciavano in cielo le Frecce Tricolori. "La Marina Militare - ha detto Andrea Romani, ammiraglio comandante dell'Istituto Studi Militari Marittimi e del Presidio Marino Militare di Venezia - in piena sinergia con le istituzioni è interessata a mettere in risalto l'eccellenza della Marineria italiana. Qualsiasi proposta che vada nel senso della valorizzazione dell'Arsenale, è vista con interesse".

In collaborazione con:

Archiviato in