Percorso:ANSA > Mare > Porti e Logistica > Porti: sono sempre più digitali, Genova pioniera

Porti: sono sempre più digitali, Genova pioniera

Uirnet, ma salto qualità solo quando tutto sarà integrato

15 aprile, 20:06

 I porti sono sempre più digitali. Le innovazioni tecnologiche, da Internet of things alla robotica, dai big data alle blockchain, stanno cambiando il mondo della produzione e consumo: la logistica è uno dei settori a maggiore tasso di trasformazione e i porti, uno degli snodi fondamentali della catena, si stanno adeguando. Genova in primis. E' quanto emerso da un convegno nel capoluogo ligure.

"Genova è storicamente all'avanguardia nei porti italiani per ingegnerizzazione telematica del funzionamento del porto ed è stata la prima ad aderire alla Piattaforma logistica nazionale - ha spiegato il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini - e per esigenze di incrementare il navettamento ferroviario abbiamo bisogno di ingegnerizzare sempre più il nostro scalo con iniziative all' avanguardia".

Il prossimo passo allo studio, con Uirnet, la società che ha realizzato la Piattaforma logistica nazionale digitale, è allargarla ai retroporti, per aumentare la capacità del porto di Genova a parità di superficie. "La Piattaforma è lo strumento fondamentale di proprietà dello Stato che serve a coordinare i flussi che provengono da tutto il sistema logistico, porti, interporti, centri merci ferrovie e privati, e dai vettori che interconnettono i nodi - ha sottolineato Rodolfo De Dominicis, presidente e ad di Uirnet -. Funziona da tempo, ma il salto di qualità avverrà quando tutto il sistema sarà connesso, integrato e automatizzato. Lo Stato non può stare a guardare, deve intervenire con un monitoraggio attento sull'andamento del sistema. Bisogna mettere in connessione anche i sistemi privati dei singoli operatori che parlano linguaggi diversi con la regia del governo".

Il sottosegretario alla Pubblica Amministrazione Mattia Fantinati ha spiegato: "Stiamo lavorando per una Pa digitale, smart, veloce ed agile, che non sia più un costo occulto per famiglie e imprese ma che ci consenta di far fare un grande salto di qualità a tutto il sistema Italia a cominciare dal sistema strategico della logistica".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: