Lombardia
  1. ANSA.it
  2. Lombardia
  3. Pm Milano, archiviare inchiesta Pio Albergo Trivulzio

Pm Milano, archiviare inchiesta Pio Albergo Trivulzio

Parenti, 'amareggiati, domanda di giustizia è stata elusa'

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - La Procura di Milano ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta con al centro gli anziani morti al Pio Albergo Trivulzio, storica 'baggina' milanese, nella prima ondata del Covid dei primi mesi del 2020. "La decisione della Procura di Milano - spiega Alessandro Azzoni, presidente dell'Associazione Felicita che riunisce i parenti - ci trova totalmente amareggiati ma non sorpresi". La domanda "di verità e giustizia", secondo l'associazione, è stata "elusa dalla procura (e non solo)".

La Procura milanese, a quanto si è saputo, ha chiesto l'archiviazione anche per tutti gli altri procedimenti simili relativi a morti nelle Rsa milanesi. La Procura milanese ha chiesto all'ufficio gip di archiviare l'inchiesta in cui risulta indagato, per omicidio colposo, epidemia colposa e violazione delle regole sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, l'ex dg Giuseppe Calicchio, oltre alla stessa struttura sulla base della legge sulla responsabilità amministrativa.

Non è stata "acquisita alcuna evidenza di condotte colpose o comunque irregolari, causalmente rilevanti nei singoli decessi, in ordine all'assistenza prestata". Lo scrivono i pm milanesi nella richiesta di archiviazione per il caso del Pio Albergo Trivulzio. Anzi, si legge ancora, "con riguardo ai singoli casi, neppure sono state accertate evidenze di carenze specifiche, diverse dalle criticità generali" riguardo le "misure protettive o di contenimento" del Covid "che possono con verosimiglianza avere inciso sul contagio". Manca in sostanza, secondo i pm, la prova del "nesso causale" tra morti e condotte nella rsa.

"Sin da subito, con fiducia - ha spiegato Azzoni - l'associazione Felicita per i diritti nelle RSA, già Comitato Giustizia e Verità per le vittime del Trivulzio, quale parte diligente e attiva si è messa a disposizione degli inquirenti, raccogliendo le testimonianze di numerosi familiari dei degenti della struttura e degli operatori sanitari". Intanto, nel corso di questi 18 mesi di indagini, "che hanno visto il lungo e impegnativo lavoro degli inquirenti, della Guardia di Finanza e dei periti, ma non hanno mai dato spazio all'ascolto di nessuno dei 150 firmatari dell'esposto collettivo presentato dall'Associazione Felicita - ha aggiunto - Abbiamo assistito alla diffusa rimozione della tragedia nell'intento di cancellare il conflitto tra gli interessi dei cittadini direttamente colpiti e i diversi interessi delle parti economiche, politiche e istituzionali a vario titolo coinvolte nella catena di responsabilità, e per questo convergenti nell'ignorare la verità attraverso una comune narrazione auto-assolutoria".

"Una narrazione - si legge ancora in un nota - volta a giustificare e a rendere accettabile un'immunità giudiziaria generale (tutti colpevoli, nessun colpevole) e a sottrarre al diritto penale il giudizio sui fatti in nome del carattere straordinario, incontrollabile e imprevedibile del fenomeno pandemico. Il diritto alla particolare protezione degli anziani in quanto popolazione fragile, garantito dalla Costituzione, comporta l'obbligo/dovere del sistema sanitario e assistenziale ad approntare strumenti adeguati alla complessità del compito". Nell'attesa di leggere gli atti depositati dalla Procura, Alessandro Azzoni, "presidente di Felicita, in settimana terrà una conferenza stampa per esprimere un giudizio più compiuto sull'archiviazione e comunicare tutte le azioni che l'associazione intende mettere in campo".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie