Lombardia

Sala: 'Chi non si dice antifascista è indegno di guidare Milano'

Replica dopo le parole del candidato di centrodestra Bernardo

(ANSA) - MILANO, 14 AGO - "Sono convinto in modo assoluto che chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista non sia degno di guidare la nostra città, Medaglia d'oro della Resistenza": il sindaco di Milano Giuseppe Sala lo ha sottolineato in un post su Instagram dopo le polemiche per le parole del candidato di centrodestra Luca Bernardo, che ha detto di non distinguere fra fascisti e antifascisti ma fra le persone.
    "Il Dr. Bernardo è uno dei miei competitori all'elezione a sindaco di Milano. A lui e agli altri ho deciso di non rispondere mai - ha osservato Sala -. Porterò avanti le mie idee e poi decideranno i milanesi chi più è degno di guidare Milano fino al 2026. Ma in questa occasione non posso esimermi dal dire la mia. Sono convinto in modo assoluto che chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista non sia degno di guidare la nostra città, Medaglia d'oro della Resistenza".
    "Certi valori - ha concluso - non sono mode, sono il frutto del sacrificio di nostri concittadini per garantire la democrazia contro ogni forma di dittatura. Di cui godiamo anche oggi". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie