Claudio Magris, il cantore della cultura mitteleuropea

Oggi compie 80 anni. Garzanti pubblica 'Tempo curvo a Krems'

(ANSA) - ROMA, 10 APR - Festeggia oggi 80 anni Claudio Magris, studioso serio, mosso da viva curiosità intellettuale e guidato da fedeltà a se stesso, con l'uso costante della ragione non disgiunta da un umano sentire. Per queste qualità Magris, saggista e scrittore, è importante per la seconda metà del '900, e ancor più per questo inizio di millennio segnato dal tracimare di arroganza e presunzione oltre tutti i livelli di guardia.
    Docente di lingua e letteratura tedesca all'Università di Trieste, poi in quella di Torino nei caldi anni '70 e quindi nuovamente a Trieste, Magris pubblicò nel 1963 un saggio punto di riferimento storico-culturale, 'Il mito asburgico nella letteratura austriaca moderna', seguito poi da quello su Joseph Roth e l'ebraismo, 'Danubio' (1986), 'Microcosmi' (Premio Strega 1997). Magris fu anche senatore (indipendente di sinistra) nella XII legislatura a metà anni '90. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Nuova Europa