Regioni Ue, digitalizzazione priorità investimenti Recovery

La pandemia ha fatto luce su disparità e ritardi aree rurali

Redazione ANSA

BRUXELLES - "La digitalizzazione e la connettività digitale devono essere una priorità assoluta" per la ripresa post-Covid in tutte le regioni europee, comprese le aree rurali e scarsamente popolate. È quanto emerge dalla prima riunione dell'anno della piattaforma comune per la banda larga, un'iniziativa del Comitato europeo delle Regioni (CdR) e della Commissione europea.

"È difficile immaginare un contesto più tempestivo per un simile incontro di quello che abbiamo in questi giorni," ha detto l'irlandese Michael Murphy (Ppe), presidente della piattaforma e anche della commissione per la politica economica del CdR. "La tecnologia digitale è diventata un imperativo per garantire la continuità nella nostra vita lavorativa e privata", "di conseguenza gli enti locali e regionali sono chiamati" ad aiutare tutte le comunità nella trasformazione che verrà. Nel suo Barometro regionale e locale 2021, il CdR mostra come la pandemia abbia esacerbato e messo in luce le disparità e sottolinea come per questo i 672,5 miliardi di euro del Recovery and Resilience Facility dovranno servire anche per sostenere riforme nel settore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: