Energia: Srm, da 2007 raddoppiata quota rinnovabili Italia

Report presentato oggi all'Eurocamera

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 3 DIC - La filiera dell'energia elettrica italiana, dalla produzione alla manifattura, conta 30 miliardi di euro di valore aggiunto, produce 177 miliardi di fatturato e vanta 23.500 imprese attive per circa 215mila addetti. È quanto emerge dal rapporto "MED & Italian Energy Report" sul settore dell'energia in Italia e nel Mediterraneo, frutto della collaborazione tra Srm, centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo, e il Politecnico di Torino.

Dallo studio, che viene presentato oggi al Parlamento Ue a Bruxelles, emerge che la domanda mondiale di energia elettrica è ancora in prevalenza soddisfatta dalle fonti fossili, cioè da petrolio (34,2%), carbone (27,6%) e gas (23,4%). I consumi sono concentrati su tre aree, che rappresentano il 50% circa del totale: Cina, Stati Uniti ed Unione europea. Secondo il rapporto, l'Italia è ancora dipendente dall'estero per le importazioni di combustibili fossili (78,6%), ma è al lavoro per sviluppare efficienza, risparmio energetico e fonti rinnovabili, la cui quota sulla produzione lorda elettrica è passata dal 17% del 2007 al 34%. L'incontro è organizzato in collaborazione con la struttura European Regulatory and Public Affairs della Direzione Affari Istituzionali di Intesa Sanpaolo, con il patrocinio delle europarlamentari Tiziana Beghin (M5s) e Patrizia Toia (Pd).(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: