Nove Paesi membri contrari a modifiche mercato Ue di elettricità e gas

Posizione Germania e altri 8 a vigilia summit ministri europei

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Non possiamo sostenere alcuna proposta che entri in conflitto con il mercato interno dell'elettricità e del gas". E' la posizione resa nota dal Lussemburgo, con l'appoggio di Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Lettonia e Olanda, alla vigilia del Consiglio straordinario dei ministri dell'energia Ue per affrontare il caro bollette. I nove sottolineano l'appoggio totale all'approccio della Commissione europea, con gli Stati membri chiamati a scegliere le misure migliori nel breve termine, e "procedere velocemente" con l'adozione del pacchetto clima per "prezzi accessibili e prevedibili" nel medio termine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: