Parlamento Ue, 'rilasciare Navalny, sanzioni più severe'

L'eurocamera chiede stop ai lavori del Nord Stream 2

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Parlamento europeo ha chiesto il rilascio immediato e incondizionato dell'oppositore russo Alexey Navalny e di tutte le persone fermate in occasione del suo rientro in Russia, inclusi giornalisti, collaboratori o cittadini che lo sostengono. Nella risoluzione adottata oggi con 581 sì, 50 no e 44 contrari, il Parlamento europeo ha invitato i Paesi Ue ad "inasprire sensibilmente le misure restrittive dell'Unione nei confronti della Russia". Ciò include sanzioni contro le "persone fisiche e giuridiche" coinvolte nella decisione di arrestare e incarcerare Navalny.

Le sanzioni dovrebbero anche essere allargate agli oligarchi russi legati al regime, ai membri della cerchia ristretta del presidente Putin e ai propagandisti dei media russi che possiedono beni nell'Unione europea e che attualmente godono della libertà di spostamento nei Paesi Ue.

"Il Parlamento europeo ha invitato l'Unione europea e gli Stati membri a riesaminare in maniera critica la cooperazione con la Russia attraverso varie piattaforme di politica estera e diversi progetti come Nord Stream 2, di cui l'Ue deve immediatamente interrompere il completamento". E' un passo della risoluzione sul caso dell'arresto di Alexei Navalny adottata oggi dal Pe, nella quale si invita "l'Ue e gli Stati membri a delineare una nuova strategia per le relazioni dell'Unione con la Russia, che sia incentrata sul sostegno alla società civile e promuova valori democratici, Stato di diritto, libertà fondamentali e diritti umani". 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie