Luce verde Arlem a parere Bianco su blue economy nel Mediterraneo

Emergenza minaccia mare, passa proposta coordinamento regioni

Redazione ANSA

BARCELLONA - Le città e le regioni del Mediterraneo devono invertire la rotta del cambiamento climatico con la blue economy: luce verde della plenaria dell'Assemblea regionale e locale euromediterranea (Arlem), promossa dal Comitato europeo delle Regioni (CdR), al parere su una visione strategica dell'economia del mare, di cui è relatore il presidente del Consiglio nazionale dell'Anci e membro del Cdr, Enzo Bianco. I numeri dell'emergenza climatica nel Med - si legge nel rapporto - parlano da soli: 30mila bottiglie finiscono in acqua ogni minuto, mentre ci si attende un aumento delle temperature nell'area di 2,2 gradi entro il 2040, con un riscaldamento più veloce del 20% rispetto alla media globale.

Tra i punti cardine della proposta di Bianco, un'autorità sovranazionale dei Paesi del Mediterraneo che indichi le azioni di contrasto al cambiamento climatico, standard e obiettivi comuni e misurabili per ambiente, economia e società, incentivi economici per la transizione e un graduale divieto di estrazione del petrolio e del gas metano. "Aver raggiunto un'intesa unanime su scelte radicali legate a un tema così delicato è di straordinaria importanza", ha commentato Bianco, sottolineando la necessità di "ampliare la consapevolezza e la conoscenza dei dati su quanto avviene nel nostro mare, creare collaborazione e promuovere le rinnovabili". Il rapporto sarà presentato domani ad Assisi, in occasione dell'annuncio del Manifesto per un'economia green, alla presenza del presidente del premier Giuseppe Conte e del presidente del Parlamento Ue, David Sassoli.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: