Sassoli a ministro turco, Ue condanna l'intervento in Siria

'È una grave violazione del diritto internazionale'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Stamattina ho avuto uno scambio franco" a Bruxelles con il ministro degli Esteri della Turchia, Mevlut Cavusoglu. "Ho ribadito la forte condanna dell'Ue all'intervento militare turco nel nord-est della Siria. È una grave violazione del diritto internazionale, che mina la stabilità e la sicurezza nella regione". Lo annuncia in una nota il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

Nell'incontro con Cavusoglu, che è stato chiesto dal governo turco, Sassoli ha inoltre "sollevato il problema delle continue attività di trivellazione illegale della Turchia nel Mediterraneo orientale. Siamo pienamente solidali con Cipro - sottolinea il presidente dell'Eurocamera - per quanto riguarda il rispetto della sua sovranità e dei suoi diritti sovrani in conformità al diritto internazionale".

Nell'incontro, prosegue Sassoli, "ho sottolineato che il Parlamento Ue continua a prestare la massima attenzione nell'affrontare la crisi umanitaria e dei rifugiati in corso. Ciò include il pieno sostegno agli Stati membri che affrontano le sfide più serie in termini di flussi migratori nel Mediterraneo orientale. Ho anche chiarito che è assolutamente inaccettabile usare le persone in fuga da guerre e persecuzioni per ottenere un vantaggio politico o fare pressione sull'Ue". "Abbiamo entrambi concordato - conclude quindi Sassoli - sul fatto che il dialogo è essenziale per affrontare le numerose sfide che abbiamo in comune, come la migrazione e la lotta al terrorismo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."