Firenze,evento su sinergie tra fondi Ue per atenei e ricerca

Prorettore Uni Bindi, visione chiara è punto partenza per futuro

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 01 NOV - I finanziamenti europei e le possibili sinergie tra il nuovo programma quadro per la ricerca e l'innovazione, Horizon Europe, e gli altri programmi dell'Ue.

Questo il tema al centro dell'incontro pubblico che si è tenuto nei giorni scorsi a Firenze organizzato dall'Agenzia per la promozione della ricerca europea e dall'Università degli studi di Firenze, in collaborazione con Tour4Eu, l'associazione che riunisce gli atenei toscani. L'evento è stato aperto dall'intervento del viceministro dell'Istruzione, Anna Ascani, e ha visto la partecipazione anche di alcuni esperti della Commissione Ue. Fra questi Magda De Carli, della Direzione generale Ricerca e innovazione, che - spiega una nota - ha ricordato che gli aiuti di stato non rappresenteranno più un ostacolo per l'attuazione delle sinergie fra diversi strumenti di finanziamento nella programmazione 2021-2027. Gli esempi pratici di mix tra fondi diretti hanno visto la presentazione di alcuni progetti portati avanti dai sette Atenei di Tour4eu in diversi settori, dal trasporto intelligente ai big data. "Avere una visione chiara delle opportunità offerte da Horizon Europe e dagli altri programmi, nazionali ed europei, rappresenta per l'università un punto di partenza imprescindibile per progettare in modo più efficace la richiesta di fondi e raggiungere gli obiettivi di sviluppo e innovazione che l'Europa si è posta", ha dichiarato il prorettore alla ricerca dell'Università di Firenze, Marco Bindi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."