Europee: sorella di Boris Johnson in campo con anti-Brexit

Rachel pronta a candidarsi con Change Uk se Gb partecipa al voto

Redazione ANSA

LONDRA - Fratelli contro in Gran Bretagna sulla Brexit: la giornalista Rachel Johnson, sorella dell'ex ministro e capofila dei Tory brexiteer Boris, è pronta a scendere il campo con il neonato partito filo-Ue Change Uk se il Regno parteciperà alle elezioni Europee di fine maggio, come al momento è destinato a fare in mancanza di ratifica parlamentare a Westminster di un accordo di divorzio da Bruxelles. L'annuncio è stato dato dalla stessa Rachel Johnson, volto noto di SkyNews e già attiva come militante anti-Brexit al pari del padre Stanley e dell'altro fratello Jo, ex viceministro ed esponente dell'ala moderata del Partito Conservatore.

Rachel è stata inserita nella lista dei candidati per la circoscrizione dell'Inghilterra sud-occidentale e ha partecipato oggi a Bristol - accanto a un altro giornalista tv buttatosi in politica, Gavin Esler, ex Bbc - al lancio della campagna locale di Change Uk: partito fondato da 11 deputati pro Remain transfughi di Labour e Tory sulla base d'una piattaforma centrista ispirata soprattutto alla richiesta d'un secondo referendum sulla Brexit. Sul fronte opposto, quello euroscettico, è ufficiale già da giorni la candidatura di Annunziata Rees-Mogg, giornalista pure lei e sorella del Tory ultrà Jacob, in un'altra formazione nuova di zecca: il Brexit Party di Nigel Farage.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."