Emilia-Romagna

Green pass: sindacato Nsc chiede incontro a vertici dell'Arma

'Cosa succederà ai colleghi non vaccinati?'

Dopo l'approvazione da parte del Consiglio dei ministri del decreto legge che estende l'obbligo del Green pass in ambito lavorativo pubblico e privato, il segretario dell'Emilia Romagna del Nuovo sindacato carabinieri (Nsc), Giovanni Morgese, chiede un incontro urgente ai vertici regionali dell'Arma "per valutare l'impatto del decreto su tutto il personale militare amministrato e conoscere le misure che si intenderanno adottare per fronteggiare la delicata questione".
    L'appello è rivolto al comandante della Legione carabinieri Emilia-Romagna, generale Davide Angrisani, al comandante dei carabinieri forestali dell'Emilia-Romagna Generale Fabrizio Mari e anche alla segreteria nazionale dell'Nsc. "Facendo una proiezione di stima su quanto dichiarato in ambito nazionale e cioè 11mila carabinieri non vaccinati a fronte dei 107mila in servizio - fa sapere la segreteria regionale Nsc - in Emilia-Romagna si può presumere che dei 6mila carabinieri in servizio almeno qualche centinaio non è vaccinato, colleghi rispetto ai quali è necessario comprendere cosa succederà nel concreto: Tamponi a carico dello Stato? Verranno sospesi? Denunciati alla procura militare?".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie