Festival dei Sensi dedicato al fiabesco

Dal 23 al 25/8 incontri, lezioni e laboratori in Puglia

Redazione ANSA BARI

BARI - Frequentare cose sane e sensate, belle e seducenti per riprendere i sensi, lontano dall'anestetico inquinamento che il rumore delle informazioni ci propina ogni giorno. Luoghi privilegiati dove ascoltare per tre giorni riflessioni originali legate al mondo dei sensi. Lezioni a tema tenute da studiosi italiani e stranieri, conferenze itineranti, gite a lenta velocità, esposizioni tattili, biodiversità, sensi, cinema e alta tecnologia visti con occhi nuovi. E' questo il Festival dei Sensi in programma nella Valle d'Itria dal 23 al 25 agosto 2019. Questa decima edizione è dedicata al fiabesco.
    Una cava dismessa, nella campagna di Cisternino, ospiterà il 23 agosto, alle 18.45, l'inaugurazione, con l'intervento del presidente del Museo di Fotografia Contemporanea Giovanna Calvenzi e, a seguire, alle 19.45, il magnetico racconto di Peppe Barra, grande interprete nella indimenticabile "Gatta Cenerentola" di Roberto De Simone. Il festival sarà ospite quest'anno anche del Museo Nazionale di Egnazia: per l'occasione, in collaborazione con il suggestivo Parco Archeologico, alle 19.45, Paolo Matthiae, l'archeologo celebre nel mondo per aver scoperto l'antica città di Ebla, ci riporterà indietro nel tempo, sulle tracce della dea Siria.
    Un viaggio fra cultura e incanto dove non poteva mancare la fiaba per eccellenza, Le mille e una notte, che nelle parole di Quirino Principe, musicologo di fama internazionale, diventa il pretesto per indagare la relazione tra fiaba e musica (sabato 24 agosto, ore 21.00 a Petra Nevara, la neviera della Masseria Pavone, a Martina Franca). Nel cuore della stessa città, a Palazzo Simeone, domenica 25 agosto alle 20.30, Corrado Bologna, filologo, critico e storico conduttore radiofonico, parlerà del potere seduttivo della voce: da quella insidiosa e trascinante delle sirene di Ulisse a quella piccina delle fate che accompagnano i sogni dei bimbi. Ci sarà anche Enrico Vanzina che racconterà, sabato 24 agosto alle 22.30, nel giardino di Villa Velga, a Ostuni, la favola del grande cinema italiano.
    Parteciperà al Festival dei Sensi anche Alberto Capatti, francesista e grande studioso della gastronomia italiana, che, domenica 25 agosto alle 18.30 nella Padula delle Felci, a Cisternino, porterà il pubblico a spasso fra cibi fiabeschi e immaginari, a montagne fatte di parmigiano grattugiato, principesse aromatiche e frutti magici, fino all'esasperata Nutella di Nanni Moretti: insieme a lui l'attore Paolo Panaro.
    Sempre domenica 25 agosto ritroveremo l'eclettico Panaro a Cisternino alle 22.00 nella Masseria Capece, in un intenso dialogo con Laura Marchetti attorno all'opera di Roberto De Simone. Laura Marchetti è anche il nuovo presidente del Festival.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA