Nella casa-museo di Cavour visite a lume di candela

A Santena, per rivivere atmosfere e abitudini dello statista

Redazione ANSA TORINO

(ANSA) - TORINO, 17 DIC - Al posto delle sfavillanti luci natalizie, il buio di una grande casa illuminata 'solo con le candele, come avveniva nel tempo dell'infanzia di Camillo Benso conte di Cavour. Si svolge con questa atmosfera domani a Santena, alle porte di Torino, l'apertura straordinaria della casa-museo in cui crebbe e visse lo statista piemontese.
    Niente elettricità per un'apertura speciale, con aperitivo, per omaggiare Cavour nella casa-museo che la Fondazione Camillo Cavour ha riaperto la scorsa primavera dopo 4 anni di lavori di recupero e restauri. L'idea è di riportare i visitatori indietro nel tempo, nell'epoca in cui lo statista crebbe, si formò e lavorò per l'Unità d'Italia ricreando sia l'atmosfera ottocentesca del Conte di Cavour sia quella più antica della sua famiglia, i Benso, proprietari del Castello di Santena fin dal 1200.
    I visitatori potranno percorrere tutte le stanze della casa con la luce delle fiammelle delle candele scoprendo com'erano i saloni aulici e gli ambienti più intimi nei secoli in cui il Castello era una villa privata di campagna, abitata dalla famiglia Benso di Cavour e dai parenti più prossimi. La visita si articolerà tra le varie sale del piano nobile e dei mezzanini, anche attraverso 4 ambienti esclusi dal consueto percorso di visita, un'occasione che si ripeterà ogni terzo sabato del mese, per immergersi nel passato e scoprire le abitudini e la quotidianità di una famiglia alto-borghese con la sua servitù prima dell'avvento dell'illuminazione elettrica.
    I gruppi saranno limitati a 15 persone per ciascuna fascia oraria,, a partire dalle 18 (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie