Il Parco del Colosseo riapre il 1 giugno

Nuova bigliettazione e misure di sicurezza

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Dopo lo stop legato all'emergenza coronavirus, il 1 giugno il Parco archeologico del Colosseo riapre al pubblico nel segno dell'accessibilità, dell'accoglienza e soprattutto della sicurezza, con tutele puntuali sia per il personale sia per i visitatori, assicurate, in primo luogo, da un protocollo di intesa con l'Asl Roma 1 che garantirà, tra l'altro, un presidio medico-sanitario sulla piazza del Colosseo.

Altrettanto importanti i nuovi percorsi e le diverse modalità di accesso e fruizione. Per evitare la coincidenza con gli orari di punta dei mezzi pubblici, saranno variati gli orari di accesso, ora compresi tra le 10.30 e le 19.15 (ultimo ingresso alle ore 18.15).

Due saranno le tipologie di biglietto che consentiranno la visita al Foro Romano-Palatino e al Colosseo. Resta attivo il biglietto ordinario di € 16,00 valido 24h, ma viene introdotto per la prima volta un biglietto ridotto che punta al coinvolgimento di tutti i visitatori: A.R.T. (Afternoon reduced ticket) al prezzo di € 9,50, sarà acquistabile online e usufruibile tutti i giorni a partire dalle ore 14.00 e fino alla chiusura del Parco. Un'agevolazione rivolta, in primo luogo, ai cittadini romani che potranno frequentare il Parco al termine della giornata lavorativa. I biglietti saranno tutti smaterializzati, acquistabili online dal sito ufficiale www.parcocolosseo.it e dal sito del concessionario www.coopculture.it (dal 28 maggio) e collegati ad un'app gratuita che permetterà, già da casa, o al più tardi all'ingresso nell'area archeologica di scaricare le mappe dei percorsi, i contenuti storici e tutte le informazioni utili alla visita in sicurezza.

Prima di varcare gli ingressi al Colosseo e all'area archeologica del Foro Romano e del Palatino (la Domus Aurea per il momento rimarrà chiusa al pubblico), i visitatori, preventivamente dotati di mascherina, dovranno obbligatoriamente sottoporsi alla misurazione della temperatura mediante termoscanner.

Al Colosseo il biglietto prevede la prenotazione obbligatoria a orario predeterminato. L'accesso, in questa prima fase, sarà esclusivamente dal cosiddetto "Sperone Valadier" e fruibile da singoli o gruppi di massimo 14 persone, adeguatamente distanziate, che entreranno ogni 15 minuti e saranno sempre accompagnati lungo tutto il percorso. I percorsi proposti sono due: 1. "Il Colosseo si racconta" prevede l'affaccio ai sotterranei dal I ordine, la salita al II ordine, la visita dell'esposizione permanente, l'affaccio dalla terrazza Valadier sulla piazza del Colosseo (tempo stimato 45 minuti). 2."Colosseo-Arena" si snoda lungo il I ordine, sempre nel segno della piena accessibilità, fino alla porta Libitinaria e da qui con un accesso emozionale sul piano dell'arena (tempo stimato 40 minuti, percorso ridotto, acquistabile con il biglietto pomeridiano- A.R.T.).

Al Foro Romano e Palatino sarà ugualmente previsto un unico ingresso, lungo via dei Fori Imperiali, in Largo della Salara/Largo Corrado Ricci. Da qui il pubblico, senza necessità di prenotare per un orario preciso, potrà seguire 4 percorsi differenziati: 1. "La piazza del Foro Romano" con uscita da via del Foro Romano (tempo stimato 30'). 2. "Passeggiando sulla via Sacra" con uscita dall'Arco di Tito (tempo stimato 1 ora e 30'). 3. "Dal Foro Romano ai palazzi imperiali" con uscita da via di S. Gregorio (tempo stimato 2 ore). 4. "Alle origini di Roma", percorso lungo le pendici meridionali del Palatino, con uscita da via di S. Gregorio (tempo stimato 2 ore e 30'). 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie