G20 delle Spiagge chiede status speciale per città balneari

Tutte insieme fanno 70 mln di turisti, l'evento a Jesolo 1-2/9

Redazione ANSA VENEZIA

(ANSA) - VENEZIA, 30 AGO - Il riconoscimento di uno status speciale di "città balneari" per far fronte alle sfide del presente e del futuro: è l'obiettivo che si pone il "G20 delle spiagge italiane", che l'1 e il 2 settembre riunirà a Jesolo (Venezia), intorno ad una serie di tavoli di dibattito, i rappresentanti delle località di mare con più di un milione di visitatori stagionali.
    "Queste venti città sono delle vere e proprie porte dell'Italia sul resto del mondo: arrivare a 70 milioni di turisti significa rivolgersi a tutto il bacino europeo" ha spiegato Bruno Barel, avvocato e consulente del G20s Network, durante la presentazione dell'evento. "Quello che abbiamo messo in moto è un processo strategico partito come una pianta dal seme di un'idea, 'bagnato' con tenacia e costanza, conoscendoci l'un l'altro e confrontando i rispettivi problemi per scoprire che molti di questi accomunano le varie località - ha aggiunto -. È l'opposto di un'iniziativa localistica volta ad ottenere privilegi: siamo in linea con il Next generation plan europeo e con il Piano nazionale Draghi. Dovendo operare su tanti piani tra cui quello giuridico ci siamo chiesti cosa potevamo inventarci, e abbiamo deciso di rivolgerci al legislatore nazionale. "Non abbiamo proposto un testo di legge, sarebbe stato supponente verso il Parlamento, ma una indicazione di problemi e possibili soluzioni per poi aprire un dialogo con lo Stato e contribuire al processo legislativo", ha concluso Barel.
    (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie