Bellanova, Indicazioni geografica perno fondamentale per lo sviluppo

Nasce un tavolo al Mipaaf per mettere a valore la Dop economy

Redazione ANSA ROMA

- Numerosi gli interventi dei rappresentanti dei Consorzi di tutela, istituzioni e una grande e significativa attenzione da parte della politica, a partire dalla ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, all'Assemblea 2020 di OriGin Italia (l'Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche), con la partecipazione della totalità dei Consorzi di tutela aderenti (oltre 100).

"Forte attenzione personale, e dei nostri uffici, al sistema delle indicazioni geografiche che considero un perno fondamentale delle politiche di sviluppo agroalimentare del Paese - ha detto la ministra Bellanova -. Con il Dl Rilancio aggiungiamo 1 miliardo e 150 milioni di euro oltre a quanto stanziato con il Cura Italia, con l'obiettivo di riconoscere il ruolo fondamentale e strategico della filiera alimentare nel nostro Paese, perché nessuna delle aziende che producono qualità sia indebolita da questa crisi. Necessario rafforzare il sistema geografico e il legame inscindibile cibo-territorio, non arretrando nella battaglia al falso cibo e alle imitazioni delle nostre indicazioni geografiche". Già nel Cura Italia, ha ricordato la ministra, erano contemplate alcune iniziative di difesa delle indicazioni geografiche (27 milioni di euro per l'acquisto di prodotti Dop): "con il Decreto Rilancio queste risorse vengono potenziate: 250 milioni di euro al fondo emergenza alimentare, con risorse destinate anche ad acquistare prodotti Dop. L'attenzione alle indicazioni geografiche sarà garantita anche dal fondo emergenziale a favore delle filiere in crisi forte di una dotazione di 500 milioni di euro". Poi Bellanova ha ricordato il Pegno rotativo per i prodotti Dop e Igp: "lo schema di decreto è pronto ma abbiamo bisogno dei Consorzi per renderlo operativo, può dare una mano alle imprese sulla liquidità". Infine la proposta di "un tavolo al Mipaaf per mettere a valore il sistema delle indicazioni geografiche e meglio indicare la strategia per l'internazionalizzazione anche con un confronto costante con il Ministero degli affari esteri e con l'Ice".

OriGIn Italia è il principale organismo di rappresentanza del sistema agroalimentare Dop e Igp che associa i Consorzi di tutela riconosciuti dal Mipaaf. Nasce come Aicig (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche) nel 2006: all'atto della sua istituzione contava 25 Consorzi soci, ad oggi OriGIn Italia rappresenta 64 realtà consortili rappresentative di circa il 93% delle produzioni ad Indicazione Geografica.(ANSA)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie