Pensioni: Anp-Cia, anziani non siano bancomat dello Stato

De Carlo, assenza di politiche di rilancio influisce sul welfare

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Pensioni, sanità e aree rurali, cittadinanza, anziani e società. Sono questi i temi affrontati oggi a Bologna all'Assemblea nazionale di Anp, l'Associazione pensionati di Cia-Agricoltori Italiani, impegnata a far sì che gli anziani non siano il bancomat dello Stato. Il presidente Alessandro De Carlo si è detto fortemente preoccupato per la mancanza di scelte politiche capaci di rilanciare il Paese e far crescere l'occupazione, condizione fondamentale per rafforzare il welfare. Questo è confermato in particolare dalla pensione di cittadinanza, considerato "un provvedimento insufficiente da rivedere affinché gli aumenti relativi alle pensioni minime, attualmente 513 euro, possano ricomprendere tutti i 700 mila agricoltori, essendo molti gli esclusi a causa di criteri anacronistici". Inoltre, denuncia De Carlo, che non si fa distinzione tra chi ha lavorato e versato i contributi e chi non lo ha fatto. Anche per quanto riguarda i nuovi pensionati, che hanno iniziato a lavorare in agricoltura dal 1 gennaio 1996, Anp-Cia propone di istituire una pensione base di 650 euro, cui andrà sommata la quota maturata con i contributi versati all'Inps negli anni di lavoro. Contrariamente a quanto viene sostenuto, il sistema previdenziale italiano secondo Anp-Cia è sostenibile. Separando la spesa previdenziale da quella assistenziale, quella effettiva sostenuta per le pensioni in Italia è del 10,1% del Pil, al di sotto della media europea, quindi, non solo in equilibrio ma, grazie alle entrate contributive, ha registrato nel 2016 un attivo di 30,3 miliardi di euro. A chiudere la giornata l'intervento del presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, che si è rivolto a governo, Parlamento e forze politiche con l'auspicio ad operare con maggiore responsabilità, recuperando uno spirito positivo verso il Paese". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA