'Aiuto a ristoratori', stop pasticceria Gino Fabbri a pranzo

Bologna, dopo il Dpcm chiusa nella pausa: 'Colleghi penalizzati

Redazione ANSA BOLOGNA

BOLOGNA - Pasticceria chiusa in pausa pranzo "per solidarietà e aiuto nei confronti dei ristoratori", uno stop "per qualche settimana" per "favorire i colleghi che vengono penalizzati dal nuovo Decreto e che, pur avendo spazi perfetti per farvi accomodare e rilassare in totale sicurezza, purtroppo, per i nostri comportamenti, non possono più farlo".

Lo ha annunciato ieri in un post su Facebook la pasticceria 'La Caramella' di Cadriano (Bologna) fondata e guidata da Gino Fabbri, presidente dell'Accademia Maestri pasticceri italiani, capo della delegazione che nel 2015 ha conquistato la Coppa del Mondo di pasticceria a Lione e vincitore per la 'Torta del Giubileo' nel 2000. Dopo il varo del nuovo Dpcm per contenere i contagi da coronavirus, che prevede limitazioni orarie per bar e ristoranti, l'attività del maestro bolognese ha fatto una scelta precisa, scegliendo la chiusura dalle 13 alle 15.30, e l'ha comunicata via social: "Queste chiusure - si legge nel post - che andavano evitate in tutti i modi, taglieranno le gambe a tanti. Siamo chiamati ad aiutarci tra noi e a usare il buon senso. Uscirne ora dipende da noi e dai nostri comportamenti, è ora di dimostrarlo". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie