Fase 3: chef stellato a Roma, ci mancano gli americani

Di Iorio, ma pronti a nuovi servizi e orari taylor made

di Alessandra Moneti

“Ci mancano gli americani ma, lavorando ora più con gli italiani, abbiamo messo in campo nuovi servizi, personalizzati per un’accoglienza taylor made e proposte vini sempre più attente ai territori di qualità”. Lo ha detto lo chef Giuseppe Di Iorio del ristorante stellato Aroma, a Roma, spiegando che “gli stranieri amano prenotare un tavolo sulla nostra terrazza con vista Colosseo al tramonto, nel tardo pomeriggio. Gli italiani cenano invece più tardi, a volte anche in seconda serata”. Durante il lockdown, ha raccontato, “abbiamo venduto diversi risto-bond, con cene per due a prezzo scontato, che ci hanno aiutato molto nei giorni immediatamente dopo la riapertura. Ma ora serve – è l’appello dello chef - un’ondata di turisti internazionali che nell’alta cucina trovano un motivo di viaggio ad hoc in Italia. Finora coi cinesi e russi abbiamo lavorato poco, bene gli arrivi dal Nord Europa ma ci mancano, e servono a tutto il settore ristorazione, i nordamericani” ha sottolineato Di Iorio, sperando in una riapertura delle frontiere ai viaggiatori Usa in autunno.

Roma comunque, dal suo punto di osservazione, sta ripartendo. “In questi giorni – ha detto Di Iorio – ho ospitato il primo appuntamento conviviale per il Consorzio del Parmigiano Reggiano, un meeting in presenza con piatti pensati ad hoc, non tavole virtuali. Beck ha riaperto il primo luglio e Viglietti sta scaldando i motori per la prossima settimana. Tuttavia, nella Capitale, non tutti gli hotel hanno dato il via alle prenotazioni, ma c’è voglia tra gli italiani, per il caldo ma anche per superare lo spirito della quarantena, di cenare fuori e di festeggiarsi con una cena di livello”.

Chi è ripartito subito dopo il lockdown è lo chef-imprenditore Giulio Terrinoni, una stella Michelin a “Per me”. “Festeggio i primi cinque anni da quando mi sono messo in proprio – ho detto lo chef 45enne – scegliendo un ristorante al centro, tra Via Giulia e Campo de’ Fiori, dopo i tanti anni condivisi con una famiglia di grande esperienza nella ristorazione, i Troiani, all’Acquolina, anche lì subito premiato dalla stella Michelin. La mia fortuna è lavorare da sempre con gli italiani, e con clienti che qui si sentono a casa. Nella mia cucina ingredienti ricchi come gli scampi e il foie gras non sarebbero così equilibrati senza un prodotto povero come la cipolla di Tropea. Rivolgersi a una clientela nazionale significa dialogare e stupire su regionalismi e storia della gastronomia italiana, con un bouquet di aromi che sanno raccontare la stagionalità a partire da un piatto come le rinomate tagliatelle di seppia, agretti, pesce e senape”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie