Olio: Unaprol, ribasso del 40% per i prezzi

Consorzio chiede misure radicali per risolvere crisi

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Prezzi al ribasso del 40% per gli olivicoltori con una produzione dell'olio al chilo che si aggira intorno ai 3.20 euro, rispetto ai 5 euro dello scorso anno. A denunciarlo è Unaprol avvisando che la situazione sta "creando seri problemi agli olivicoltori". Il Consorzio olivicolo italiano, nel ricordare che "la campagna olivicola è in pieno svolgimento e che la produzione non ha ancora raggiunto il migliore potenziale produttivo", segnala che "la produzione italiana è stimata complessivamente, a livello nazionale, intorno alle 320.000 tonnellate di olio". "Non è più il tempo - commenta il presidente di Unaprol David Granieri - delle analisi, la situazione del comparto olivicolo la conosciamo tutti". "Chiediamo quindi - incalza - alle istituzioni, all'International olive council e all'Unione europea, di attivarsi in modo celere e concreto con misure radicali, per risolvere una situazione che sta diventando sempre più critica".

Granieri precisa, nel volere dare proposte di soluzione, che "occorre incidere in modo decisivo sul mercato e la risposta è nella giusta valorizzazione della qualità, abbassando, negli standard internazionali regolamentati a livello europeo, come ad esempio la percentuale di acidità per l'olio extra vergine".

"Unaprol- conclude- sta presentando all'International Olive Council la proposta per modificare i parametri chimici dell'olio extravergine di oliva, attraverso l'abbassamento del relativo livello di acidità, dall'attuale tetto dello 0,8% al tetto massimo dello 0,5%. Ciò creerebbe un meccanismo virtuoso nel mercato, che da un lato, finalmente, premierebbe i produttori di qualità e dall'altro i consumatori". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA