Debutta Borealis, il primo computer quantistico 'supremo'

Supera anche i più potenti supercomputer tradizionali

Leonardo de Cosmo

E' per la prima volta accessibile pubblicamente, in cloud, un computer quantistico 'supremo', capace di superare anche i più potenti supercomputer tradizionali. E' Borealis, il computer fotonico programmabile realizzato dall'azienda canadese Xanadu, ora disponibile a ricercatori e aziende attraverso Braket, la 'palestra quantistica' ideata da Amazon Web Services (AWS).

Dopo esser diventato il primo computer quantistico programmabile utilizzando particelle di luce (fotoni) a superare qualsiasi altro supercomputer tradizionale, Borealis guadagna anche il primato di essere il primo ad andare sul cloud, nella ristrettissima cerchia di computer quantistici che hanno raggiunto il traguardo della supremazia quantistica. La nuova macchina realizzata da Xanadu è infatti da ora disponibile in Braket, il servizio cloud ideato da Amazon Web Services (Aws) che mette a disposizione strumenti e computer per aiutare lo sviluppo di nuovi software e la ricerca scientifica per il calcolo quantistico.

"Con Borealis - ha detto Simone Severini, direttore del Quantum computing di Aws - espandiamo la gamma di tecnologie quantistiche disponibili su Amazon Braket che ora include, oltre ai dispositivi superconduttori e a trappola ionica presenti finora, anche un dispositivo fotonico programmabile". Un servizio cloud disponibile per ricercatori e aziende che vogliono esplorare tutte le potenzialità offerte dal calcolo quantistico e che viene utilizzato anche in Italia, ad esempio dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Cineca ed Enel. "E' ancora presto per determinare se e quando i calcolatori quantistici avranno un impatto importante in problemi pratici, ovvero problemi di carattere industriale", ha aggiunto Severini. "Va detto però - ha concluso - che qualsiasi risultato scientifico o ingegneristico che possa spingere in avanti questo campo ha il ruolo di portarci più vicino alla realizzazione delle sue promesse ed anche a capire quali sono i suoi limiti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA