Da un buco nero un getto di radiazioni verso la Terra VIDEO

Emesso mentre divorava una stella, alla distanza maggiore mai rilevata

Elisa Buson

Individuato il più lontano buco nero che sia mai stato sorpreso a banchettare: si trova a 8,5 miliardi di anni luce da noi e, nella foga di divorare il suo pasto stellare, ha emesso un insolito getto di radiazioni diretto verso la Terra. Il segnale, individuato a febbraio grazie al telescopio Zwicky Transient Facility (Ztf) negli Stati Uniti, è stato poi studiato fino a svelarne la sorgente grazie al Very Large Telescope (Vlt) dell'Osservatorio europeo meridionale (Eso) in Cile. La scoperta è descritta in due articoli pubblicati rispettivamente sulle riviste Nature Astronomy e Nature: quest'ultimo porta come prima firma quella dell'astrofisico Igor Andreoni, nato a Milano e cresciuto a Bergamo e oggi all'Università del Maryland.

 

Rappresentazione artistica di un buco nero che divora una stella (fonte: ESO/M.Kornmesser)

"Abbiamo sviluppato un sistema open source per l'analisi dei dati per archiviare ed estrarre informazioni importanti dalle osservazioni fatte con Ztf - spiega Andreoni - in modo da essere avvisati in tempo reale quando si presenta un evento atipico". L'allerta è scattata lo scorso febbraio, quando Ztf ha rilevato una nuova sorgente di luce visibile. L'evento, chiamato AT2022cmc, ricordava un lampo di raggi gamma, la più potente fonte di luce nell'Universo. La prospettiva di assistere a questo raro fenomeno ha spinto gli astronomi ad attivare diversi telescopi in tutto il mondo per osservare la sorgente sconosciuta in modo più dettagliato. Tra questi anche il Vlt dell'Eso, che ha rapidamente osservato il nuovo evento con lo strumento X-shooter. I dati raccolti hanno collocato la sorgente a una distanza senza precedenti per questo genere di eventi: la luce prodotta da AT2022cmc ha iniziato il suo viaggio quando l'universo aveva circa un terzo della sua età attuale.

Un'ampia varietà di radiazioni, dai raggi gamma ad alta energia alle onde radio, è stata raccolta da 21 telescopi in tutto il mondo. I ricercatori hanno confrontato questi dati con diversi tipi di eventi noti, dal collasso delle stelle alle kilonove: l'unico scenario che poteva spiegare i dati era un raro 'banchetto' cosmico in cui una stella viene fatta a pezzi dall'incredibile forza di attrazione gravitazionale del buco nero. Circa l'1% di questi eventi provoca l'espulsione di getti di plasma e radiazioni dai poli del buco nero in rotazione, come un tubetto di dentifricio schiacciato nel mezzo che spruzza materiale da entrambe le estremità. In questo caso, poiché il getto puntava verso la Terra, è apparso più luminoso di quanto sarebbe altrimenti ed è risultato visibile in una banda più ampia dello spettro elettromagnetico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA