Per gli over 50 i figli sono un antidoto alla depressione

Chi ne ha in genere è più felice, ma dopo che sono cresciuti

Redazione ANSA ROMA

- Le coppie che hanno figli, hanno maggiori probabilità di essere felici rispetto a chi non ne ha.
    Ma questo è vero soprattutto una volta che i figli sono cresciuti. Averne infatti, per gli over 50 è una sorta di antidoto contro la depressione. A incoraggiare le coppie alle prese con pannolini e capricci sul fatto che "il meglio deve ancora arrivare" è uno studio pubblicato sulla rivista Plos One.
    Precedenti studi hanno collegato la genitorialità con un declino della felicità, a causa di meno tempo libero, meno soldi e meno sonno. Ma la nuova ricerca ha esaminato l'impatto sul benessere individuale a lungo termine. I ricercatori dell'Università di Heidelberg in Germania hanno analizzato i dati raccolti in 16 Paesi europei, per un totale di circa 55.000 persone di età superiore ai 50 anni. I risultati mostrano che i figli, adottivi e non, sono correlati con benessere e mancanza di sintomi depressivi, senza grandi distinzioni tra i diversi Paesi. "Tuttavia, le analisi mostrano che questa associazione positiva è evidente dopo che hanno lasciato la casa di mamma e papà", hanno detto i ricercatori. Una volta che i figli crescono, infatti, diminuisce lo stress associato alla gestione quotidiana, mentre emerge la loro importanza come caregiver e contatti sociali che contribuisce ad affrontare meglio l'invecchiamento. La ricerca ha confermato che anche il matrimonio è correlato positivamente con il benessere. "Partner e figli - concludono - sono spesso la base di relazioni sociali, che possono fornire supporto agli anziani".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA