Covid: Germania verso altri pazienti all'estero, anche in Italia

Situazione rianimazioni Baden-Wuerttemberg 'è drammatica'

Redazione ANSA ROMA

La situazione delle terapie intensive "è altamente drammatica". Lo ha detto il ministro della salute del Baden-Wuerttemberg, annunciando che il Land si prepara a inviare pazienti anche all'estero e ha già ricevuto disponibilità dall'Italia (Lombardia), Francia e Svizzera. "Ci prepariamo a trasferire i pazienti all'estero, nel caso fosse necessario" ha detto Manne Lucha: il carico degli ospedali è immenso "e le persone non ce la fanno più". Da giorni diversi lander tedeschi stanno traferendo i pazienti per il forte carico delle rianimazioni. La Baviera nei giorni scorsi ha inviato in Italia due pazienti, a Bolzano e Merano. 

Il cancelliere tedesco in pectore Olaf Scholz si è espresso a favore dell'obbligo generale per il vaccino anticovid, nel corso della consultazione fra Stato e Regioni sul Covid, a cui partecipa insieme ad Angela Merkel. "È importante stabilire un obbligo generalizzato alla vaccinazione", ha affermato secondo quanto riportano alcuni media tedeschi, fra cui Spiegel.

In Austria il primo febbraio scatterà l'obbligo vaccinale e i no vax irremovibili potrebbero rischiare una multa da 3.600 euro che potrebbe addirittura essere raddoppiata in caso di inottemperanza. Lo prevede una bozza del governo che oggi sta esaminando il disegno di legge per l'introduzione dell'obbligo vaccinale. Una misura, secondo il ministro alla salute Wolfgang Mueckstein, "senza alternative" visto il basso tasso (circa il 70%) di vaccinati. L'obbligo dovrebbe escludere i bambini delle elementari. La ministra per gli affari Ue Karolina Edstadler ha precisato che l'ammontare della multa non è stato ancora fissato.

L'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha rilevato 42 casi della variante Omicron finora registrati nell'Ue mentre sono in corso accertamenti su altri sei possibili contagi sospetti. Lo ha reso nota la responsabile dell'Ecdc, Andrea Ammon, sottolineando che tutti i casi confermati fino ad oggi mostrano sintomi di malattia lieve o sono asintomatici.

La Grecia renderà obbligatoria la vaccinazione contro il Covid per le persone di età pari o superiore a 60 anni. Una decisione che il premier Kyriakos Mitsotakis ha sottolineato essere "il prezzo da pagare per la salute", secondo quanto riportano i media ellenici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA