Campioni biologici spediti con droni, al via sperimentazione

Tra sedi Ospedale Bambin Gesù Palidoro e Santa Marinella

Redazione ANSA FIUMICINO

È in corso una sperimentazione, che terminerà venerdì 23, per il trasporto di materiale biologico per via aerea attraverso l'utilizzo di droni tra le sedi dell'Ospedale Bambin Gesù di Palidoro e Santa Marinella, sul litorale romano nord. Lo rende noto il vicesindaco di Fiumicino, Ezio Di Genesio Pagliuca.
    "Per questo - spiega - è stata firmata dal sindaco un'ordinanza che regolamenta le attività di volo sul tratto di spiaggia demaniale di competenza del Comune di Fiumicino antistante l'ospedale pediatrico di Palidoro. L'ordinanza ha previsto sull'arenile interessato l'interdizione al transito, allo stanziamento e alle attività di balneazione tra le 10 e le 13 e tra le 14 e le 17. Tutte le operazioni sono state coordinate e autorizzate dalle autorità competenti".
    "Siamo felici di aver dato il nostro contributo per questa sperimentazione e ci auguriamo che la stessa riesca - conclude il vicesindaco - perché in questo modo si ridurrebbero di molto i tempi di trasporto dei campioni biologici per le ricerche e il traffico di mezzi tra le due sedi del Bambin Gesù, con grande vantaggio per medici e pazienti dei due ospedali".
    La sperimentazione, appena conclusa con successo, realizzata da Leonardo, Telespazio (joint venture tra Leonardo 67% e Thales 33%) e Ospedale Bambino Gesù, in collaborazione con Enac (Ente Nazionale Aviazione Civile) è una delle prime dimostrazioni in Italia di consegna di campioni biologici e generi biomedicali, su tratte non facilmente raggiungibili per viabilità ordinaria, con l'ausilio di droni a decollo verticale dotati di propulsione elettrica e pertanto a bassissimo impatto ecologico e acustico.
    Le prove si sono svolte tra il 19 e il 22 ottobre. Il drone ha trasportato materiale sanitario volando nei pressi di Roma tra due siti dell'Ospedale Bambino Gesù distanti oltre 32 km: dal centro di prelievo di Santa Marinella a quello di analisi di Palidoro e viceversa, utilizzando una modalità di controllo automatico oltre il campo visivo dell'operatore (Bvlos - Beyond Visual Line of Sight).
    "Abbiamo fortemente voluto avviare la sperimentazione in questo periodo di pandemia - evidenzia la presidente dell'Ospedale Bambino Gesù, Mariella Enoc - che impone a tutti gli operatori sanitari una forte accelerazione dei percorsi diagnostici. La sperimentazione ci consentirà di studiare lo sviluppo di un servizio che può produrre forti miglioramenti dei processi clinici e logistici, a vantaggio un domani di tutto il sistema sanitario regionale e nazionale". "Poter utilizzare aeromobili a pilotaggio remoto- aggiunge il direttore generale dell'Enac, Alessio Quaranta - a favore di scopi sanitari e sociali, rende questi strumenti ancora di più essenziali per lo sviluppo sostenibile della nostra società".
    "Leonardo - ha sottolineato invece Laurent Sissmann, Svp Unmanned Systems - è impegnata a supportare e proteggere persone e comunità, contribuendo alla loro crescita sostenibile". La sperimentazione prevede diverse fasi successive, in cui saranno impiegate varie tipologie di velivoli pilotati a distanza, e si concluderà a dicembre 2020. L'obiettivo di lungo periodo è poter estendere il servizio anche in ambiente urbano densamente popolato, collegando la sede di Palidoro dell'ospedale con quelle di Roma.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA