Pirelli Cinturato P7 dialogo preciso con sistemi elettronici

Sviluppo con le Case auto permette migliore funzionamento ADAS

Redazione ANSA MILANO

Il progresso dei pneumatici, ormai da diversi anni, viaggia parallelamente alle innovazioni che molte Case automobilistiche hanno introdotto a livello di sistemi di assistenza alla guida e di miglioramento della sicurezza attraverso sistemi che - gestiti elettronicamente, e addirittura con Intelligenza Artificiale - sono in grado di affiancarsi all'uomo, o sostituirlo, nelle situazioni di maggiore pericolosità. Si tratta di quelli che i tecnici definiscono ADAS, e che presentano una grande complessità proprio per poter valutare, attraverso la gestione dei segnali inviati da sensori d'ogni tipo, non solo le condizioni del veicolo e le situazioni del traffico e della strada, ma anche il funzionamento stesso del dispositivo e realizzare quindi una costante 'autodiagnosi'.

Ecco perché, nel definire le caratteristiche del nuovo Cinturato P7, gli ingegneri Pirelli hanno lavorato specificamente sulla inedita capacità del battistrada di 'dialogare' con i sistemi elettronici di assistenza alla guida.

Nel caso dell'ABS - a parità di auto e misura del pneumatico - un battistrada ottimizzato per il funzionamento in sinergia con l'elettronica della vettura come quello del Cinturato P7 consente, ad esempio, di frenare prima. I test realizzati alla velocità di 100 km/h hanno dimostrato che il nuovo high performance Pirelli, accorcia mediamente fino a 4 metri in meno lo spazio di frenata, pari a una riduzione del 7-10%. Lo sviluppo del pneumatico in collaborazione con le Case auto, attraverso modelli di virtualizzazione delle coperture, consente infatti ai tecnici che lavorano a fianco degli ingegneri Pirelli di tarare al meglio l'elettronica di assistenza: come nel caso dei sistemi di mantenimento della corsia che, se abbinati a un pneumatico 'sconosciuto', potrebbero richiedere continue correzioni di traiettoria non potendo prevedere il comportamento del pneumatico stesso. Mentre, se la stessa auto è dotata del Cinturato P7 con marcatura del costruttore automobilistico (a garantire che è stato sviluppato per equipaggiare quello specifico modello) non richiede tali correzioni in quanto il sistema ne può prevedere le reazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie