Volvo Cars si riprende attività Zenuty da ex JV con Veoneer

Completata separazione proseguono sviluppi ADAS e guida autonoma

Redazione ANSA ROMA

Volvo Cars e Veoneer, la società produttrice di componenti per la sicurezza automobilistica, hanno concluso il processo di suddivisione di Zenuity, la joint venture al 50% fra le due aziende (costituita nel 2017 passando attraverso Autoliv) per lo sviluppo congiunto di software per la guida assistita e autonoma.

L'intenzione di dividere le attività di Zenuity affinché Volvo Cars e Veoneer potessero concentrarsi più efficacemente sulle rispettive strategie era stata annunciata all'inizio di aprile e, ora, la 'separazione' è diventata operativa il primo luglio. La parte di Zenuity che resta a Volvo Cars confluirà in una nuova società - interamente controllata da Volvo Cars ed in cui saranno assorbite 600 delle 800 persone occupate attualmente in Zenuty - che si concentrerà inizialmente sullo sviluppo della tecnologia per l'architettura modulare scalabile di prossima generazione denominata SPA 2. Tra le caratteristiche di questo progetto vi è l'obiettivo di modificare radicalmente la sicurezza stradale grazie alla tecnologia per la guida autonoma in autostrada con il sistema Highway Pilot.Questa nuova società di Volvo Cars baserà le proprie attività sulla solida piattaforma software per sistemi avanzati di assistenza alla guida e guida autonoma sviluppata da Zenuity negli ultimi anni, continuando a farla evolvere.

Come previsto dall'accordo, le attività operative e i dipendenti di Zenuity con sede a Goteborg, in Svezia, e a Shanghai, in Cina, sono confluiti nella nuova società. La restante parte di Zenuity sarà integrata in Veoneer e si occuperà di continuare a sviluppare e a commercializzare sistemi avanzati di assistenza alla guida.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie