Mini Classica: ritorno al futuro in versione elettrica

L'opera di un team dedicato nello stabilimento Mini di Oxford

Redazione ANSA ROMA

La Mini prima serie del 1959 torna in auge nel progetto MINI Recharged, volto continuare a raccontare, in modo sostenibile, la storia della Mini classica nel XXI secolo. La conversione delle Mini classiche in veicoli a propulsione elettrica combina i valori tradizionali con una tecnologia orientata al futuro. L'idea è nata ancora prima che il produttore premium britannico offrisse un'auto completamente elettrica come la MINI Cooper SE (consumo elettrico combinato:17,6 - 15,2 kWh/100 km secondo WLTP; emissioni di CO2 combinate: 0 g/km).

Un prototipo one-off della Mini classica Electric fu costruito nel 2018 e presentato al New York Auto Show. Le reazioni furono così positive che un team dedicato dello stabilimento MINI di Oxford si mise al lavoro per sviluppare un piano per creare un'opzione corrispondente da offrire ai clienti già proprietari della Mini classica. Per ottenere la tradizionale maneggevolezza da go-kart con una propulsione senza emissioni, il motore a benzina originale della Mini classica viene sostituito da una moderna trasmissione elettrica. Durante la conversione del veicolo nell'ambito del progetto MINI Recharged, vengono apportate solo modifiche reversibili. Un'accurata conservazione del retaggio storico è un elemento fondamentale del concept alla base del progetto. È proprio grazie a questa particolare cura che è stato possibile ripristinare la Mini classica al suo assetto originale nonostante il tempo trascorso. Durante la conversione, il motore originale di ogni veicolo viene contrassegnato e conservato in modo da poter essere riutilizzato in caso di un futuro retrofit della Mini classica.
"Ciò che il team del progetto sta sviluppando preserva il carattere della Mini classica e permette ai suoi fan di godere di prestazioni all-electric. Con MINI Recharged, colleghiamo il passato con il futuro del brand" dichiara Bernd Körber, Head of the MINI Brand. Il motore elettrico genera una potenza continua fino a 90 kW e dona alla Mini classica un'accelerazione elettrificata da zero a 100 km/h in circa nove secondi.
L'energia proviene da una batteria ad alto voltaggio, che può essere caricata con una potenza fino a 6,6 kW e consente un'autonomia prevista di circa 160 chilometri. Inoltre, ogni Mini classica elettrificata MINI Recharged viene dotata del caratteristico quadro strumenti. La versione elettrica della Classica non ha bisogno di una nuova immatricolazione. MINI Recharged si inserisce perfettamente nella futura strategia del brand, che abbraccia anche il tema dell'economia circolare. Per questo progetto, non vengono prodotti nuovi veicoli, ma vengono invece creati a partire da auto esistenti già molto amate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie