BMW, i Vision Amby e Vision Amby, le ciclo-bike elettriche

Un nuovo modo di viaggiare a metà tra una bici e una moto

Redazione ANSA ROMA

Un concept completamente nuovo a metà tra la bicicletta e la motocicletta, la BMW Motorrad Vision Amby apre nuove possibilità per la mobilità urbana del futuro. Si tratta di uno dei cinque diversi concept vehicle che il BMW Group espone alla IAA Mobility 2021 di Monaco per presentare la sua visione innovativa della mobilità urbana.
Sotto il cappello della mobilità elettrica, della digitalizzazione e della sostenibilità, questi cinque concept pionieristici formano un mix di mobilità versatile e sostenibile su due e quattro ruote che viene incontro ad una gamma molto varia di esigenze di mobilità.
Amby sta per "Adaptive Mobility". La BMW Motorrad Vision Amby e la BMW i Vision Amby interpretano le diverse sfaccettature della mobilità urbana adattiva su due ruote. Entrambi i veicoli sono alimentati elettricamente con tre livelli di velocità per diversi tipi di percorso. L'azionamento permette fino a 25 km/h su piste ciclabili, fino a 45 km/h su strade urbane e fino a una velocità massima di 60 km/h su strade a più corsie e fuori città. Per poter viaggiare a velocità più elevate, tuttavia, sono necessari un casco, targa e la relativa patente di guida.
Mentre il BMW i Vision Amby come Pedelec ad alta velocità richiede una pedalata costante per ottenere l'azionamento del sistema elettrico, nella BMW Motorrad Vision Amby viene azionato attraverso la manopola dell'acceleratore e sono presenti delle pedane al posto dei pedali, come in una moto.
Le modalità di velocità a disposizione del pilota sono memorizzate nell'app sullo smartphone che si collega al rispettivo veicolo Vision Amby.
È possibile selezionare manualmente il livello di velocità, così come il rilevamento della strada per mezzo della tecnologia di geofencing, permettendo così la regolazione automatica della velocità massima. Attualmente non c'è regolamentazione sulla limitazione automatica della velocità; l'idea che sta dietro al concept dei veicoli Amby è infatti quella di stimolare lo sviluppo di una legislazione che possa regolamentare questo tipo di tecnologia. In questo modo, il BMW Group dimostra la volontà futura di continuare a fornire opzioni di mobilità nelle grandi città offrendo soluzioni innovative.
La differenza sostanziale tra questi due mezzi è semplice: la BMW i Vision Amby è una e-bike a pedalata assistita che rientra nella categoria delle "pedelec" (pedal electric cycle), dunque modelli in grado di superare i 45 km/h, per i viaggi quotidiani anche a lungo raggio. L'autonomia infatti può superare i 300 chilometri. La BMW Motorrad Vision Amby, senza i pedali, è invece una sorta di ciclometore capace di viaggiare in full electric senza pedalare.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie