Con e.Primacy Michelin accelera su sostenibilità ambientale

Clark: Taglio emissioni CO2 impianti del 50% entro 2030

Redazione ANSA ROMA

Con il nuovo pneumatico e.Primacy la Michelin accelera sulla strada della sostenibilità. La 'vision green' guida da anni lo sviluppo del 'business' della multinazionale francese, come ha ricordato Scott Clark, vice presidente esecutivo Automotive, Motorsport, Experiences e Americhe, nel corso della conferenza internazionale di presentazione della prima copertura del marchio a 'impatto zero' per emissioni di CO2. Clark ha spiegato come "per ridurre più rapidamente il proprio impatto sul pianeta, Michelin si sia impegnata entro il 2030 a tagliare le emissioni di CO2 dei suoi impianti di produzione del 50% rispetto ai valori del 2010. Il nostro obiettivo - ha detto - è raggiungere la 'neutralità' delle emissioni di anidride carbonica entro il 2050. Stiamo, inoltre, sviluppando - ha aggiunto - soluzioni per utilizzare fonti rinnovabili e materiali riciclati per innalzare le performance dei nostri pneumatici. Entro il 2030 le nostre gomme avranno un'efficienza energetica superiore del 20% rispetto ai nostri prodotti del 2010". All'evento, trasmesso via Web da Clermont-Ferrand in tutta Europa, il manager ha evidenziato alcuni importanti aspetti che stanno guidando la politica d'azione della Casa del Bibendum. "Quella che nel 1992 - ha detto - era iniziata come una crescente consapevolezza, con il primo pneumatico verde a bassa resistenza al rotolamento, è oggi uno dei caposaldi di Michelin. La visione 'All Sustainable', che permea la strategia del Gruppo, si basa su una crescita equamente bilanciata tra le performance finanziarie e quelle operative. Una strategia che garantisce l'indipendenza e un importante impatto sul lungo termine. Il tutto con un contributo positivo al pianeta e attenzione alle persone, senza cui nessuna realizzazione o trasformazione sarebbe possibile". Questo è anche lo spirito che ha guidato la progettazione, lo sviluppo e la produzione del Michelin e.Primacy. "Si tratta - ha spiegato in proposito Clark - del nostro primo pneumatico 'eco-responsabile'. La sua valutazione del ciclo di vita, infatti, è stata 'incorporata' nel suo design. Ricco di tecnologia, offre la maggior efficienza della sua categoria in termini di resistenza al rotolamento. Risulta, così, ecologico ed economico da utilizzare, garantendo allo stesso tempo tutti i parametri di sicurezza, durata e tenuta di strada per cui le gomme Michelin sono famose". In relazione alle qualità 'green' dell'e.Primacy, il vice presidente ha sottolineato come sia il primo pneumatico del Costruttore transalpino "progettato per essere neutrale quanto alla CO2 al momento dell'acquisto".

Questo significa che il calcolo sul bilanciamento tiene conto di tutti i fattori che contribuiscono a produrre o assorbire anidride carbonica, "dall'estrazione delle materie prime al trasporto della gomma al cliente. Questa è una prima mondiale che aprirà la strada a una nuova generazione di prodotti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie