Jeep Grand Cherokee, le tecnologie della versione ibrida 4xe

Motore turbo benzina 2.0, due unità elettriche e batteria 17 kWh

Redazione ANSA ROMA

Jeep Grand Cherokee, tutti i segreti della versione ibrida 4xe Motore turbo benzina 2.0, due unità elettriche e batteria 17 kWh Oltre che per l'elegante carrozzeria - aerodinamica, moderna e dalla qualità indiscutibilmente premium - la nuova Jeep Grand Cherokee si distingue per un lungo elenco di innovazioni tecnologiche, a cominciare dall'unità ibrida plug-in 4xe.
    Questo sistema propulsivo si basa su un motore turbo benzina 4 cilindri da 2,0 litri che appartiene alla famiglia di motori Global Medium Engine del Gruppo Stellantis, combinato con le unità elettriche che forniscono coppia anche a cambio automatico e trazione integrale.
    Questo avanzato propulsore benzina a iniezione diretta è dotato di turbocompressore Twin Scroll a inerzia ridotta montato direttamente sulla testata. L'efficienza è migliorata grazie all'uso del servosterzo elettrico e di un compressore dell'aria condizionata azionato elettricamente. Il sistema ibrido prevede un primo motogeneratore ad alta tensione raffreddato ad acqua che è posto sulla parte anteriore del motore, in sostituzione dell'alternatore tradizionale.
    È collegato attraverso una robusta cinghia alla puleggia dell'albero motore e - oltre ad alimentare il motore a combustione e gestire il funzionamento del sistema start-stop - genera al contempo l'energia elettrica da convogliare nel pacco batteria.
    Un secondo motogeneratore più grande è posto sulla parte anteriore della scatola del cambio, e sostituisce il tradizionale convertitore di coppia della trasmissione automatica. Due frizioni gestiscono la potenza e la coppia erogate dall'unità elettrica e dal motore a benzina. la prima è situata tra le due unità: quando è aperta consente di viaggiare unicamente in modalità full electric poiché manca il collegamento meccanico tra motore elettrico e termico.
    Quando è chiusa, invece, il motore termico da 2,0 litri e l'unità elettrica si combinano e forniscono coppia alla trasmissione automatica. Una seconda frizione variabile è montata dietro al motore elettrico e gestisce l'interazione con la trasmissione a beneficio della guidabilità e dell'efficienza.
    Jeep Grand Cherokee 4xe è equipaggiata con un pacco batterie da 400 Volt e 17 kWh. Si trova insieme ai dispositivi di controllo nella parte inferiore del veicolo, imballato sotto il pavimento e al sicuro grazie ad una serie di piastre di protezione. Il pacco batteria dispone di circuiti di riscaldamento e di raffreddamento dedicati, che consentono di mantenere la batteria a temperature ottimali a vantaggio delle prestazioni. Il sistema comprende una unità di raffreddamento che utilizza il fluido refrigerante del sistema di condizionamento dell'aria della Grand Cherokee per ridurre la temperatura in caso di necessità.
    Il sistema ibrido della Grand Cherokee 4xe comprende un modulo IDCM (Integrated Dual Charging Module), che combina un sistema di ricarica della batteria e un convertitore DC/DC in un'unica unità più compatta rispetto ai due componenti separati.
    Il sistema ibrido include anche un inverter di potenza (PIM) dalle dimensioni ridotte. Sono alloggiati sotto il telaio, e protetti da eventuali danneggiamenti attraverso piastre in acciaio. Da notare che tTutti i componenti e i sistemi elettronici ad alta tensione sono sigillati e impermeabili, tanto che la Jeep Grand Cherokee 4xe con badge 'Trail Rated' vanta una capacità di guado pari a 61 cm.
    La presa per la ricarica è protetta da un coperchio con sistema di apertura e chiusura a pressione, dispone di indicatore a LED colorato che ne indica il funzionamento ed è situata lateralmente sulla sinistra del paraurti, consentendo di avvicinarsi 'di muso' alla colonnina per semplificare le operazioni di ricarica. Il guidatore della Jeep Grand Cherokee 4xe può personalizzare il viaggio a propulsione ibrida in base alle diverse necessità e alla tipologia del percorso. Il sistema prevede tre modalità di funzionamento, denominate E Selec, selezionabili attraverso gli appositi pulsanti sulla plancia. C'è la posizione Hybrid che combina la coppia erogata dal motore elettrico a quella del motore termico. Il sistema di propulsione ottimizza l'energia prodotta dalla batteria e la potenza generata dal motore per offrire la combinazione ottimale in termini di efficienza e prestazioni.
    Quando il selettore è in Electric il propulsore sfrutta l'energia elettrica e se la batteria raggiunge il livello di carica minimo (o quando il guidatore richiede più coppia premendo a fondo l'acceleratore) si attiva il motore termico eSave. Questa modalità dà la priorità al motore a benzina, risparmiando la batteria per utilizzi successivi. Ci sono poi le modalità secondarie Battery Save e Battery Charge, entrambe attivabili tramite le Hybrid Electric Pages del sistema Uconnect.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie